QR code per la pagina originale

Spotify, pubblicità più mirate con i podcast

Da oggi in poi gli inserzionisti su Spotify potranno indirizzare gli annunci in base al tipo di podcast ascoltato dagli utenti.

,

Da oggi in poi gli inserzionisti su Spotify potranno indirizzare gli annunci in base al tipo di podcast ascoltato dagli utenti. Ciò significa che, diversamente da prima, dove gli inserzionisti potevano scegliere di piazzare i propri cluster pubblicitari basandosi su altri parametri come età, sesso e geolocalizzazione ora le pubblicità potranno essere associata ad un determinato podcast.

Il risultato farà contente sopratutto le aziende che investono in pubblicità su Spotify, visto che potranno ottenere un ritorno migliore grazie ad un target più specifico. Ne beneficeranno evidentemente anche gli stessi ascoltatori che troveranno spot più acconci a quelli che sono i loro interessi e le abitudini di ascolto.

Stando a quanto riferiscono i portavoce del colosso svedese, i podcast sono in grado di offrire una maggior targetizzazione rispetto ai parametri sfruttati fino ad oggi come piattaforma di utilizzo, sesso, età, genere e playlist.

Ancora una volta Spotify dimostra di voler puntare davvero forte sul podcasting introducendo una strategia di pubblicità specificatamente studiata per il mondo dei podcast. Ed è solo il primo passo, come dichiara un portavoce dell’azienda ai colleghi di The Verge:

Aspiriamo a sviluppare una soluzione pubblicitaria più solida per i podcast che ci consentirà di stratificare il tipo di targeting, misurazione e capacità di reporting che abbiamo per gli annunci che corrono insieme ad altre esperienze di contenuti come musica e video

Ricordiamo che i nuovi annunci verranno sentiti solamente dagli utenti free del servizio, visto che gli abbonati a Spotify Premium non troveranno alcun tipo di pubblicità durante l’ascolto.

La nuova pubblicità per i podcast è disponibile al momento solo in 10 mercati, compreso il nostro paese: Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Italia, Messico, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Fonte: The Verge • Immagine: Pixabay