QR code per la pagina originale

Acer, Microsoft e H-Farm insieme per gli eSport

Acer for Education e H-Farm hanno avviato un percorso a più passi con cui valorizzare il settore degli eSport già in crescita.

,

Una nuova collaborazione, quella tra Acer for Education e H-FARM, per valorizzare il mercato degli eSport in Italia. Si tratta di un’iniziativa da cui scaturisce la master week, completamente dedicata ai videogiochi competitivi e inserita nel programma degli Sparx Summer Camp di H-FARM, a Ca’Tron, in provincia di Treviso, dal 8 al 12 luglio. Nel concreto, un percorso di formazione con un team di educatori e professionisti, con il supporto tecnico di Acer con il brand dedicato al gaming, Predator.

Quello degli eSport è un trend ormai impossibile da ignorare, con più di 200 milioni di fan attivi nel mondo, una cifra che nel 2019 ha toccato i 454 milioni di spettatori segnando un +15% rispetto all’anno scorso. Anche in Italia il consolidamento è concreto, dopo che i nostri cugini francesi hanno inserito i videogiochi competitivi nel programma di governo, come vero e proprio lavoro. Nel nostro paese gli eSport si stanno rapidamente diffondendo, contando 350 mila fan attivi, il +35% rispetto al 2018.

Ma non solo: la sinergia tra H-Farm e Acer for Education si svilupperà nella costruzione di un percorso strutturato, con incontri e attività settimanali lungo tutto l’anno scolastico. Gli studenti, a partire da quelli di H-International School, avranno la possibilità di frequentare dei corsi dedicati con l’obiettivo di educare i futuri professionisti del settore o aspiranti tali in un percorso bilanciato e responsabile.

“Siamo molti soddisfatti della collaborazione con H-Farm che ci permette di poter diffondere gli esport in ambito education – ha affermato Tiziana Ena, Marketing Manager di Acer Italy – in Acer crediamo che l’elemento più prezioso dell’informatica risieda nel potere di diffondere la conoscenza e lavoriamo per offrire ai giovani studenti tutti gli strumenti tecnologici di cui hanno bisogno oggi per avere successo nell’era dell’informazione”.