QR code per la pagina originale

Google lavora su Fast Share, l’AirDrop per Android

Google sta mettendo a punto la funzione Fast Share, che permette di trasferire file tra dispositivi senza la necessità della connessione internet.

,

All’inizio di quest’anno, Google ha confermato che Android Q avrebbe deprecato il metodo di condivisione di file Android Beam: l’alternativa si chiama Fast Share ed è simile all’AirDrop di Apple su iOS e Mac.

Fast Share può essere utilizzato per condividere immagini e altri file presenti sul proprio telefono Android – così come URL e snippet di testo – “con dispositivi vicini, senza l’utilizzo di internet”. Il processo di installazione è abbastanza semplice: basta inserire un “Nome dispositivo” e fare tap su “Attiva”. L’interessante funzione richiede che siano attivati sia Bluetooth che Posizione, così come una breve distanza fisica tra i due dispositivi che si vogliono mettere in connessione. Solo quando saranno sufficientemente vicini si potrà scegliere il destinatario.

A questo punto un’interfaccia utente a schermo intero rileverà ciò che viene condiviso, visualizzando un indicatore circolare utile a tenere traccia dell’avanzamento del trasferimento in corso. Tra i dispositivi che possono essere collegati con Fast Share si annoverano smartphone e tablet Android, Chromebook, smartwatch e persino iPhone.

Quando l’utente riceve un file tramite Fast Share, invece, si troverà una notifica “Accetta” o “Rifiuta” con dettagli aggiuntivi come “Nome dispositivo” e “ID connessione”. C’è anche un’interfaccia fullscreen simile a quella visualizzata dal mittente e una volta completato il trasferimento del file sarà possibile aprirlo subito. Sul fronte della sicurezza e della protezione, Fast Share di Google consente di inserire tra i preferiti i dispositivi che mandano all’utente file più frequentemente. Le impostazioni relative alla funzione sono disponibili nell’angolo in alto a destra dell’interfaccia di condivisione principale.

I dispositivi aggiunti tra i preferiti visualizzano sempre il device dell’utente che li ha scelti come tali quando questo è nelle vicinanze, anche qualora non stessero utilizzando Fast Share.

Video:Presentata la Dichiarazione dei Diritti in Internet