QR code per la pagina originale

USA, nel 2020 i test sui veicoli da guerra robot

L'esercito degli USA darà il via nel 2020 ai test per l'utilizzo dei veicoli da guerra robot.

,

Le forze armate degli USA stanno per tentare di utilizzare veicoli da guerra robot in modo più aggressivo: l’esercito inizierà a testarli nel 2020. I soldati all’interno di due Bradley Fighting Vehicles modificati (Mission Enabler Technologies-Demonstrators, o MET-D) controlleranno a distanza quattro prototipi derivati ​​da M113 senza equipaggio per provare il funzionamento del sistema nella vita reale. Anche se non si tratterà di una guerra effettiva, l’esercito spera in feedback che rileveranno problemi o modelli di utilizzo diversi.

Ogni MET-D avrà quattro soldati nella parte posteriore che controllano due veicoli non dotati di equipaggio, ognuno dei quali è munito di mitragliatrici da 7,62 mm. I test sui veicoli da combattimento robotizzati aumenteranno nei prossimi anni: una seconda fase di prove è prevista per il 2021, quando l’esercito metterà in campo sei MET-D e otto veicoli guidati da remoto. Una terza fase, invece, a metà del 2023.

Un sistema robotico come questo potrebbe offrire molteplici vantaggi all’esercito: anzitutto ridurrebbe il rischio di scenari in cui i soldati non vogliono esporsi come primo contatto con una forza nemica; poi, senza un equipaggio, le macchine potrebbero trasportare carichi speciali o merce da consegna in zone di guerra. Ciò non significa che andranno a sostituire gli esseri umani, il che solleverebbe questioni etiche, ma potrebbero tenere i soldati lontani dal pericolo fino a quando non saranno assolutamente necessari.

A proposito di robot, il MIT sembra che stia lavorando a degli automi in grado di costruire altri automi, qualcosa che finora è stato visto soltanto nei film di fantascienza. Il team di ricercatori dell’istituto americano ha dimostrato il funzionamento della tecnologia realizzando attuatori, device capaci di controllare meccanicamente dei sistemi robotici in risposta a segnali elettrici.

Video:Chrome OS e la gestione multiutente