QR code per la pagina originale

Google, ricerca vocale cede il passo ad Assistant

La familiare icona del microfono presente nella barra di ricerca di Google potrebbe sta lasciando gratdualmente il posto all'Assistente di Google.

,

La familiare icona del microfono presente nella barra di ricerca di Google potrebbe presto scomparire lasciando definitivamente posto all’Assistente di Google.

Come riportano i colleghi di 9to5Google, ad esempio, su alcuni vecchi smartphone Android la funzione di ricerca vocale di Google con il vecchio messaggio di attivazione “Hey Google” è stata sostituita dal logo dell’assistente vocale, con i quattro punti colorati e la frase “Chiedi ad Assistant”. L’interfaccia che si apre è ancora la stessa di prima, ma la ricerca viene ora eseguita da Google Assistant e visualizza i risultati all’interno di una scheda a scorrimento.

La ricerca vocale di Google è disponibile da ormai diversi anni e funziona in più lingue rispetto ad Assistant. Tuttavia, Google vuole chiaramente che gli utenti abbraccino l’Assistente in modo che abbiano un’esperienza simile su diversi device, che siano questi smart speaker o smartphone. Il cambiamento sta avvenendo solo su alcuni smartphone, ma è probabile che in futuro Google Assistant prenda il posto del comando di ricerca vocale anche su altri device. Come da tradizione, bigG sta attuando questa modifica in maniera graduale.

Sempre sul fronte Google Assistant, è di pochi giorni fa la notizia che nell’ultima versione dell’applicazione di Google Home per iOS è stata introdotta una nuova feature che permette di modificare il volume della voce. La nuova opzione audio si chiama “Custom TTS Volume” e offre cinque livelli di setting per il volume: -2, -1, 0, +1, +2. Al momento, tuttavia, sembra che i primi test di questa nuova opzione non siano andati particolarmente bene: ci son alcuni bug e la funzione non è completa al 100%.