QR code per la pagina originale

Scoperto nuovo pianeta con orbita mai vista prima

Scoperto un enorme esopianeta con una strana orbita mai osservata per un oggetto del genere, studiando i dati raccolti per 20 anni dalla stella HR 5183.

,

Scoperto un nuovo e bizzarro esopianeta dall’orbita decisamente strana: si trova a 103 anni luce dalla Terra, nella costellazione della Vergine. In particolare la sua orbita è diversa da tutte le altre osservate, dato che è stretta e allungata e non circolare come quella che compiono i pianeti del nostro Sistema Solare.

Questo nuovo ed eccentrico pianeta osservato ha una massa più grande di tre volte rispetto al già gigantesco Giove e per compiere un’orbita completa impiega 74 anni, essendo sottoposto anche a un effetto di fionda gravitazionale come quello delle comete. Praticamente quando questo pianeta si avvicina alla sua stella subisce una enorme accelerazione e quindi viene scagliato molto lontano, per poi rientrare nella forza gravitazionale. Questa è una tecnica utilizzata anche dai ricercatori per lanciare le sonde più velocemente e così risparmiare carburante.

L’esopianeta prende il nome di HR 5183 b ed è stato scoperto dalla squadra del California Institute of Technology (CALTECH) in collaborazione con molti altri istituti, tra cui l’Università delle Hawaii, l’Università dell’Australia Meridionale e l’Università della California. A coordinare lo studio c’è stata la prof. Sarah Blunt e il dott Andrew W. Howard, che hanno studiato per un periodo piuttosto prolungato la stella HR 5183, cioè 20 anni. Hanno sfruttato la tecnica della velocità radiale per scovare HR 5183 b, la sua orbita e la massa, cioè le minuscole “oscillazioni” alla luce della sua stella ospite causate dal cambiamento dell’attrazione gravitazionale.

Secondo gli scienziati si tratta di un pianeta che passa la maggior parte del tempo nella parte più esterna del sistema planetario, questo a causa della sua strana orbita, accelerando e compiendo una fionda gravitazionale attorno alla sua stella. Questa scoperta mostra come il nostro universo sia pieno di sistemi totalmente diversi dai nostri.