QR code per la pagina originale

LG porta Nvidia G-Sync sugli Oled 2019

Un nuovo aggiornamento firmware per la serie E9 e C9 porterà a bordo dei TV Oled il supporto a Nvidia G-Sync per videogiochi più immersivi.

,

Al Ces di gennaio Nvidia aveva promesso l’arrivo in massa di tanti TV compatibili con G-Sync e ad aprire le danze è LG. Presto uscirà un aggiornamento del firmware per i TV Oled 2019 che aggiungerà il supporto per ciò che si promette essere una vera immersione in ambienti tridimensionali, per un gaming avvincente.

La novità dovrebbe fornire una configurazione ideale per i giocatori che amano i grandi schermi, con tempi di risposta impercettibili, purché LG tolga di mezzo ogni preoccupazione circa il fastidioso effetto di burn-in. I televisori Oled 2019 compatibili con LG G-Sync sono i 65 e 55 pollici della serie E9, i 77, 65 e 55 pollici della serie C9. Altre funzionalità della sua gamma 2019 che rendono le TV interessanti per i giochi includono la presenza dell’HDMI 2.1, la frequenza di aggiornamento variabile (VRR) e la modalità Auto Low Latency (ALLM). Matt Wuebbling, dirigente del marketing di Nvidia, ha dichiarato in una nota:

Siamo entusiasti di offrire il supporto G-Sync compatibile ai TV Oled 2019 di LG e il supporto della frequenza di aggiornamento variabile HDMI alle nostre GPU GeForce RTX serie 20.

Fino ad ora, chi voleva il G-Sync su un televisore doveva optare per il set Omen X Emperium da 5.000 euro, un 65 pollici di HP. Ovvio che adesso la questione interessa tutti, anche chi non passa ore a videogiocare ma anche a guardare film e serie in streaming, come Netflix. Qui, ovviamente, si tratta di compatibilità e non di integrazione nativa, visto che nessun televisore LG monta processori Nvidia, ma poco male, per un update gratuito va più che bene così.

Non sappiamo se l’aggiornamento sarà distribuito a livello globale visto che l’azienda si è limitata col dire che il lancio avverrà nelle prossime settimane in mercati selezionati. Ad ogni modo, entro la fine dell’anno, dovrebbe poi giungere ovunque, dunque non disperiamoci.