QR code per la pagina originale

NASA, le tute spaziali per tornare sulla Luna

La NASA ha presentato le due tute spaziali che verranno utilizzate per tornare sulla Luna e andare su Marte.

,

La NASA ha rivelato nelle scorse ore due tute spaziali che utilizzerà per il programma Artemis, grazie al quale l’uomo tornerà sulla Luna a parecchi decenni di distanza dalla missione Apollo. Il primo volo è previsto per il 2024.

L’agenzia spaziale statunitense ha condiviso un video in cui mostra un ingegnere aerospaziale che indossa un’ingombrante tutta rossa, bianca e blu che sarà utilizzata per svolgere le operazioni sulla Luna; e una tuta più sottile, di colore arancione, che l’equipaggio indosserà durante il viaggio da e verso il “nostro satellite”. Quest’ultima ha una particolarità: nel caso in cui si dovesse verificare un’improvvisa depressurizzazione del veicolo spaziale, gli astronauti saranno infatti in grado di vivere per giorni. Di seguito è possibile dare un’occhiata al tweet che mostra soltanto la prima delle due tute presentate, ma cliccando sul link riportato nel cinguettio si può guardare tutta la diretta.

Progettare una tuta spaziale moderna è una delle molte sfide che la NASA deve affrontare nel suo ritorno sulla Luna. La tuta più grande, progettata per l’uso sulla superficie lunare, è la Exploration Extravehicular Mobility Unit (xEMU): offre agli astronauti una maggiore mobilità delle spalle rispetto alle tute degli anni passati, ma sembrerebbe ancora piuttosto ingombrante. L’astronauta che l’ha indossata in occasione della presentazione ha faticato per salire alcune scale e raccogliere una roccia. Ma dato che resisterà alle condizioni ostili dello spazio, questo genere di compromessi sono comprensibili.

La NASA non prevede usare queste tute spaziali solo per andare sulla Luna: le modificherà anche per le future missioni su Marte, promettendo che non ci saranno intoppi dovuti a tute spaziali inadatte o problemi del genere.