QR code per la pagina originale

Tesla, 300 Superchager in Italia

Continua a crescere la rete di ricarica rapida di Tesla anche in Italia: raggiunto il traguardo dei 300 Supercharger.

,

Uno dei valori aggiunti di Tesla è la sua ampia e soprattutto affidabile rete di ricarica veloce che permette alle sue auto elettriche di fare rapidamente il pieno di energia. Anche in Italia questa rete è presente e nel tempo è cresciuta, comprendo buona parte del territorio italiano e rendendo, così, possibili anche i lunghi viaggi. Adesso, con l’apertura dei Supercharger di Borca di Cadore (BL), Tarquinia (VT) e Vicenza, la rete italiana delle stazioni di ricarica rapida di Tesla è composta da ben 300 singoli Supercharger.

Queste stazioni sono state collocate sulle principali rotte stradali in Europa e in Italia in modo da poter agevolare gli spostamenti su lunga distanza. Un vantaggio importante per i possessori di una Model S, Model X o Model 3. Il Supercharger sito a Vicenza è il più recente ed è stato collocato all’interno del centro commerciale Le Piramidi ed ospita 12 colonnine rapide per la ricarica.

Invece, il Supercharger di Tarquinia dispone di 10 colonnine ed è perfetto per chi si sta spostando lungo la costa tirrenica. Questa stazione di ricarica rapida si trova vicino a Civitavecchia, consentendo ai conducenti di ricaricare prima di imbarcarsi per la Corsica o la Sardegna.

Infine, il Supercharger di Borca di Cadore con i suoi 8 stalli permette di raggiungere Cortina d’Ampezzo e altre note località turistiche della zona. La ricarica al Supercharger è gratuita per tutte le nuove Model S e Model X. Su Model 3 si applicano le tariffe standard, ma i costi complessivi risultano comunque inferiori a quelli di mantenimento di un equivalente veicolo con motore a combustione interna.

Gli interessati possono visionare tutti i Superchager italiani e non solo all’interno di una mappa interattiva presente sul sito ufficiale di Tesla. Di recente, Tesla ha aggiornato la maggior parte dei Supercharger situati in Europa per fornire fino a 150 kW di potenza (da 120 kW in precedenza).