QR code per la pagina originale

Windows 10 20H1 build 19013 agli Insider: novità

Microsoft ha rilasciato agli Insider la build 19013 di Windows 10 20H1; arrivano più kaomoji e alcune modifiche all'app Your Phone.

,

Microsoft ha rilasciato agli Insider del Fast Ring la nuova build 19013 di Windows 10 20H1, cioè la nuova build di sviluppo del prossimo grande step funzionale di Windows 10 che arriverà nel corso dell’inizio del 2020. Le novità non sono tantissime ma c’è comunque qualcosa che vale la pena sottolineare. Innanzitutto, il gigante del software ha ampliato il numero di kaomoji messe a disposizione degli utenti.

In secondo luogo, Microsoft ha modificato il Sottosistema Windows per Linux (WSL) 2 affinché rilasci la memoria inutilizzata una volta terminato il suo utilizzo. Oggi, questo non avviene. Arriva poi la versione 0.12 di PowerToys che introduce nuove funzionalità come PowerRename che semplifica la rinominazione in batch di un sacco di file. Novità anche per l’app Your Phone (Il tuo telefono). Microsoft ha stretto un accordo con Samsung per offrire un’esperienza migliore di interazione su tutti i PC Windows 10. La novità riguarda l’opzione Phone Screen che permette di effettuare un mirroring dello schermo dello smartphone sul PC. La casa di Redmomd ha dunque rimosso l’opzione di collegamento tramite Bluetooth per puntare sulla funzionalità “Link to Windows” in grado di migliorare l’esperienza d’uso.

Questa nuova build di Windows 10 20H1 porta al debutto anche alcune novità relative alla DirectX 12. Ovviamente non manca un lungo elenco di correttivi e di bug fix. Presenti ancora alcuni problemi noti e per questo l’invito per gli Insider è di provare questa build di sviluppo solamente all’interno di macchine adibite ai test.

Windows 10 20H1 dovrebbe arrivare per tutti nel corso della prossima primavera. Tuttavia, recenti indiscrezioni affermano che la versione RTM potrebbe essere già pronta questo dicembre. Questo potrebbe significare che il rollout potrebbe iniziare anche prima ma è sempre possibile che Microsoft si riservi di testare per alcuni mesi la build finale dell’aggiornamento per risolvere tutti i suoi bug e renderla perfetta.