QR code per la pagina originale

Twitter non toccherà gli account di utenti defunti

Twitter ha affermato che non cancellerà gli account inattivi fin quando non troverà una soluzione per commemorare i defunti.

,

Twitter aggiunge funzionalità sempre nuove per migliorare l’esperienza degli utenti, farli sentire più al sicuro e proteggere la loro privacy. Di recente, ha comunicato l’intenzione di rimuovere gli account inattivi a partire da dicembre, ma ora fornisce ulteriori dettagli in merito al processo.

La società mette infatti un freno al suo piano: dopo aver riferito di voler trovare una soluzione per commemorare gli utenti defunti, ha annunciato che non cancellerà nessun profilo inutilizzato fino a quando non troverà un modo per rendere omaggio ai morti. Ha inoltre affermato che l’eventuale rimozione riguarderà solo l’Unione Europea “in un primo momento”, a causa del GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati) e di altre normative sulla privacy.

La mossa di Twitter potrebbe dissipare il timore che la società possa cancellare gli account degli utenti deceduti e, di conseguenza, anni di preziosi ricordi. C’è infatti chi occasionalmente rilegge i tweet dei propri cari per non dimenticarli, ma non hanno i dati di accesso al loro profilo. Se Twitter cancellasse tali account, si perderebbe totalmente quella connessione con il passato.

Ovviamente ci sono motivi validi per cui il social network intende eliminare i profili inutilizzati: sono tantissimi, infatti, gli utenti che hanno abbandonato la piattaforma da tempo e non hanno interesse nel conservare i propri cinguettii. Peraltro, occupano nomi utente che potrebbero essere adottati da persone iscritte attive. La mossa del social dell’uccellino è chiaramente da intendersi per favorire l’interazione tra utenti e per garantire una maggiore sicurezza a tutti coloro che frequentano quotidianamente (o quasi) la piattaforma, da app e web. Di recente, inoltre, la società ha aggiunto una funzione che consente di nascondere le risposte.