QR code per la pagina originale

WhatsApp, aggiornamento corregge grosso problema

Un nuovo aggiornamento per WhatsApp su Android corregge immediatamente i problemi della versione precedente, che mandava l'app in crash.

,

Gli aggiornamenti di WhatsApp possono portare diverse novità, ma questa volta pare si sia creato solo u enorme problema. Fortunatamente l’azienda ha rilasciato una nuova versione che lo risolve subito. In pratica la versione 2.19.365 portava con sé un grosso bug che causava l’arresto dell’app, subito dopo l’apertura dell’app su Android.

WhatsApp ha rilasciato quindi una nuova beta, la numero 2.19.366, che risolve fortunatamente il grave bug che causava il crash. In effetti anche il sempre ben informato WABetainfo aveva avvisato su Twitter di non scaricare assolutamente la beta 2.19.365, perché subito dopo la splash screen, cioè la schermata iniziale dell’app, si verificava un crash e l’utente praticamente non poteva più utilizzarla.

Questo aggiornamento WhatsApp non va a risolvere solo questo problema, ma ha anche introdotto nuove tonalità di pelle per alcune emoji e novità per l’attesissima Dark Mode. In particolare per il tema scuro è cambiata l’opzione per attivarlo, che è stata spostata nelle impostazioni Chat, insieme a quella che serve a gestire lo sfondo. Attualmente la Dark Mode non è stata rilasciata ancora nella versione pubblica e in realtà nemmeno per la beta.

A quanto pare però recentemente è stato scoperto un bug che permette di provarla in anteprima. Qui le istruzioni per farlo, anche se il risultato non è garantito. C’è anche la possibilità che con la nuova beta la stessa WhatsApp abbia corretto questo ulteriore bug, che permette con un semplice link YouTube e la modalità Picture-in-Picture di abilitare una Dark Mode provvisoria sul dispositivo.

Tutti quelli che vogliono provare la Dark Mode stabile e ufficiale dovranno quindi attendere, anche se attualmente la società non ha diramato informazioni sull’uscita, che sicuramente non è molto lontana.

Video:Opera: le chat di WhatsApp, Messenger e Telegram