QR code per la pagina originale

Apple raccoglie fondi per gli incendi in Australia

Apple avvia una raccolta fondi da destinare alla gestione dei drammatici incendi in Australia: l'iniziativa non comprende, al momento, l'Italia.

,

Anche Apple ha deciso di scendere in campo per combattere i drammatici incendi che stanno devastando l’Australia e, per farlo, ha deciso di attivare una speciale raccolta fondi. Il gruppo di Cupertino, seguendo l’esempio tracciato negli ultimi giorni da numerose celebrità e altrettante aziende a stelle e strisce, ha infatti aggiornato il proprio sito ufficiale, includendo un collegamento per donare denaro. Al momento l’iniziativa è disponibile solo sulle versioni statunitense e australiana del sito ufficiale del gruppo, ma non si esclude possa essere estesa anche ad altri Paesi del mondo.

La società di Apple Park ha già promesso una propria donazione per il contrasto agli incendi australiani, così come confermato dal CEO Tim Cook lo scorso dicembre, approfittando di un breve commento sulla piattaforma Twitter. Con l’iniziativa odierna, il gruppo ha deciso di allargare i propri sforzi anche all’utenza, per tutti coloro che vorranno destinare una somma – piccola o grande che sia – alla causa.

Il sistema implementato è lo stesso già utilizzato in passato dalla mela morsicata, come spesso avvenuto per gli uragani che hanno colpito l’America Centrale. Cliccando sul link proposto sulla homepage del sito, verrà aperta l’applicazione Musica su macOS o iTunes Store su iOS, con una pagina speciale dove si potrà optare per un’offerta dai 5 ai 200 dollari. Tutti le donazioni, così come la stessa Apple ha confermato, verranno al 100% destinati in progetti di aiuto e beneficenza. I proventi verranno inoltrati alla Croce Rossa, già da settimane attiva sul territorio australiano.

I roghi in Australia hanno determinato la perdita di un patrimonio di biodiversità inestimabile, la morte di circa 27 persone, la distruzione di oltre 2.000 abitazioni e la scomparsa di circa 480 milioni di animali. Gli incendi si propagano ormai da parecchie settimane, anche a causa di una fine di primavera dalla temperature estremamente elevate.