QR code per la pagina originale

Microsoft Surface Duo e Neo, SDK per app dual screen

Microsoft ha rilasciato la versione preliminare del Surface Duo SDK (Android), mentre quella per il Surface Neo (Windows 10X) arriverà l'11 febbraio.

,

Microsoft ha annunciato ad ottobre 2019 due interessanti dispositivi con doppio schermo, ovvero Surface Duo e Surface Neo. Per consentire agli sviluppatori di testare il supporto dual screen, l’azienda di Redmond ha rilasciato il Surface Duo SDK Preview, mentre la versione per Surface Neo sarà disponibile l’11 febbraio.

I due device condividono lo stesso fattore di forma, simile a quello di un libro. Entrambi hanno infatti due schermi uniti da una cerniera centrale. Cambia però il sistema operativo: Android per Surface Duo, Windows 10X per Surface Neo. Gli sviluppatori possono utilizzare i rispettivi SDK per verificare la compatibilità delle loro app. Nel caso del Surface Duo, sviluppato in collaborazione con Google, si possono testare le app mediante l’emulatore integrato in Android Studio.

Per il Surface Neo occorrerà invece un SDK che verrà incluso in una futura build di Windows 10 riservata agli Insider. Si potrà utilizzare un emulatore Hyper-V dual screen per testare le app Win32 e UWP (Universal Windows Platform) su Windows 10X.

Nella documentazione Microsoft sono illustrate le varie modalità di utilizzo del doppio schermo. Per modalità predefinita le app sono visualizzate a schermo intero. È possibile però “estendere” l’app per coprire contemporaneamente i due display. Microsoft consente inoltre la visualizzazione di due app (una per ogni schermo), di una parte master su uno schermo e del dettaglio sull’altro, di due pagine di un documento (una per ogni schermo) oppure della schermata principale su uno schermo e degli strumenti sull’altro (ad esempio per le app di fotoritocco).

L’interfaccia delle app deve essere progettata in modo da evitare la visualizzazione degli elementi grafici (pulsanti, menu e altro) in corrispondenza della cerniera, cioè a cavallo dei due display. A parte le conseguenze estetiche, il gap impedisce l’uso corretto dell’app (tra i due schermi non funziona il touch).

Video:Microsoft HoloLens 2