QR code per la pagina originale

CarKey: l’auto si apre con Apple Watch

Nell'ultima beta di iOS 13 consegnata agli sviluppatori appare CarKey: le automobili potranno essere sbloccate con iPhone e Apple Watch.

,

Apple Watch e iPhone si trasformeranno ben presto nelle chiavi digitali per la propria automobile. È quanto si apprende dall’analisi della beta di iOS 13.4, consegnata nella giornata di ieri agli sviluppatori, dove appaiono dei riferimenti a una nuova API di Apple: CarKey. Secondo gli esperti, il gruppo di Cupertino starebbe sviluppando un sistema per permettere ai suoi dispositivi NFC di interagire con le serrature delle vetture.

Al momento non è noto come il sistema CarKey verrà implementato, anche perché le informazioni presenti nell’ultima beta di iOS 13.4 appaiono abbastanza esigue, eppure gli intenti di Apple sembrano essere davvero chiari: avvicinando il proprio iPhone o Apple Watch allo sportello della propria auto si potrà sbloccarne l’accesso, in modo rapido e istantaneo.

La maggior parte dei produttori di automobili già include dei sistemi wireless per l’apertura e la chiusura degli sportelli delle vetture e, in tempo recenti, molti hanno cominciato a fornire delle soluzioni via app. Apple sarebbe interessata a conquistare questo settore, fornendo un’API che possa essere usata anche dalle terze parti affinché possa risultare pienamente compatibile con le loro vetture.

Così come si apprende da iOS 13.4, il sistema CarKey non avrà bisogno di speciali autenticazioni, infatti non è previsto il ricorso a Face ID. In una stringa di codice rinvenuta nella beta, si legge:

Per usare CarKey, avvicina iPhone o Apple Watch al lettore. Funzionerà automaticamente, senza richiedere Face ID.

Tra le comodità già emerse del sistema voluto da Apple, la possibilità di gestire più chiavi virtuali nel proprio portafoglio digitale targato mela morsicata. Ancora, il gruppo di Cupertino starebbe anche pensando a una funzione di sharing fra i membri della stessa famiglia, affinché l’autorizzazione a usare la vettura possa essere concessa ai propri familiari anche da remoto.