iPhone 12 costerà di meno: i prezzi

Apple orientata verso una politica dei prezzi al ribasso per iPhone 12: ecco quando dovrebbero costare le quattro nuove versioni dello smartphone

Parliamo di

Apple sembra si sia convinta a rivedere la propria politica dei prezzi in vista del lancio di iPhone 12, il dispositivo che dopo tre edizioni abbastanza vicine tra loro, segnerà una piccola rivoluzione. A giocare a favore del ribasso, secondo le ultime indiscrezioni, le buone recensioni ottenute da iPhone SE 2020. I quattro nuovi modelli dello smartphone dovrebbero essere lanciati a settembre, ma per via dell’emergenza che ne sta ritardando la produzione, sarebbero disponibili in seguito, andando così ad intaccare quella che è una tradizione che prosegue da tanti anni. Se però le voci saranno confermate, sia per le tante novità a livello tecnico, sia per la questione prezzi, varrà la pena attendere anche qualche settimana in più.

iPhone 12: quanto costerà?

Si parla al momento di un ritardo di uno-due mesi, ma è sicuro che iPhone 12 non andrà oltre il 2020. Apple lancerà sul mercato quattro nuovi modelli del proprio prodotto di punta, due versioni base e due “Pro”. E proprio i primi due dovrebbero avere prezzi più bassi rispetto alla tradizione, mentre per le versioni avanzate i costi saranno in linea con quelli del 2019. Nello specifico, iPhone 12 con schermo da 5,4 pollici dovrebbe costare intorno ai 649 dollari, mentre la versione con display da 6,1 pollici costerebbe circa 749 dollari.

iPhone 12: i prezzi dei modelli Pro

Quanto alle due versioni Pro – che si distingueranno per la presenza di ben quattro fotocamere, come già fatto per iPad Pro – quella con display da 6,1 pollici avrà, a meno di sorprese, il prezzo di 999 dollari, mentre il modello Max costerà 1099 dollari. Non è da escludere, sulla base delle scelte di alcuni componenti, che per settembre Apple abbia a disposizione un buon numero di esemplari almeno di due versioni, per completare gli stock entro metà ottobre. Di sicuro, la produzione ha subito un taglio rispetto alle previsioni iniziali: si parla del -20% di esemplari per il 2020, poi saranno i dati delle vendite ad indirizzare gli eventuali nuovi stock.

Ti potrebbe interessare