QR code per la pagina originale

Spusu: in Italia l’operatore che fa accumulare i Giga

A partire dal 5 giugno offrirà i suoi servizi anche in Italia l’operatore austriaco Spusu: già attivi sito Web e canali social Facebook e Instagram

,

Spusu, operatore di telefonia austriaco, sta per sbarcare in Italia. Ormai ci siamo, perché mancano davvero pochi giorni all’arrivo di un nuovo concorrente per i provider che già operano sul territorio italiano: a partire dal 15 giugno Spusu inizierà ad offrire i propri servizi alla nuova utenze e c’è già tanta curiosità di conoscere le prime offerte. L’annuncio dell’avvio delle attività è stato dato dallo stesso Spusu con un comunicato stampa, che segue l’apertura del sito italiano e i canali social su Facebook e Instagram.

Di recente era già trapelato in Rete il numero del servizio clienti oltre che la foto della prima Sim del nuovo operatore, a conferma che i tempi di sbarco in Italia fossero ormai molto stretti. Al resto hanno pensato i canali social sui quali sono comparsi alcuni promo (il sito è online da novembre 2019, ma al momento riporta solo i dati societari). Il prefisso utilizzato da Spusu sarà 378.0 e in Italia, l’azienda che fa capo al gruppo Mass Response, avrà la sede a Milano.

Spusu: anche in Italia l’accumulo dei Giga non usati?

Spusu sarà Full MVNO – ovvero ha gli stessi processi e piattaforme degli altri operatori, ma non dispone dell’infrastruttura radio e dell’accesso ad essa – e si appoggerà alla rete Wind-Tre. Per conoscere le prime offerte bisognerà attendere l’evento online con il quale la società presenterà le promozioni dedicate al mercato italiano nella fase di lancio. La curiosità maggiore è relativa alla navigazione ad Internet. In Austria, infatti, Spusu consente di accumulare i Giga non utilizzati per utilizzarli il mese successivo. Si tratta di un’opzione che al momento nessuno offre sul nostro territorio, ma in molti sarebbero felici di poterne disporre: non tutti i mesi, infatti, il consumo dei Giga è lo stesso e poter usufruire il mese successivo del traffico “pagato ma non goduto” rappresenta un plus non da poco.