Ecco RealSense ID, la soluzione Intel per il riconoscimento facciale

Intel RealSense ID è la nuova soluzione di riconoscimento facciale per device dotati di smart lock della multinazionale statunitense.

Intel ha presentato RealSense ID, un dispositivo tutto in uno che combina un sensore di profondità attivo con una rete neurale specializzata per fornire un’autenticazione facciale sicura e accurata per tutti, ovunque. L’operazione avviene in meno di un secondo, in modo affidabile e davanti a ogni tipo e tonalità di pelle, con un margine di errore pari a uno su un milione grazie alla combinazione di un design hardware e software che garantisce un’elevata affidabilità in diverse condizioni.

Intel ha infatti costruito la sua tecnologia con un sistema anti-spoofing che funziona contro i tentativi di sbloccare il dispositivo con immagini, video o maschere. L’idea della società americana è quella di implementare questa tecnologia su più apparecchiature, come per esempio POS, uffici e punti vendita, ATM e dispositivi dotati di Smart Lock.

Come funziona RealSense ID

Come Apple Face ID, il nuovo sistema di Intel sfrutta un chip di sicurezza che archivia e crittografa i dati dell’utente, proprio come Secure Enclave su iPhone e iPad. Bastano un semplice processo di registrazione, senza nessuna configurazione di rete, e solo uno sguardo per far sì che gli utenti possano sbloccare rapidamente l’accesso sicuro a ciò che è importante per loro, come una stanza o le operazioni al bancomat. Spiega Sagi Ben Moshe, vicepresidente di Intel Corporate e general manager di Emerging Growth and Incubation Group (EGI):

Intel RealSense ID combina la profondità attiva con una rete neurale specializzata, un system-on-chip dedicato e un elemento protetto integrato per crittografare ed elaborare i dati degli utenti in modo rapido e sicuro”.

In questo modo vengono garantiti all’utenza i massimi livelli di sicurezza e privacy, considerando che l’applicazione di questa tecnologia, come accennato prima, è pensata per essere utilizzata anche in settori delicati come la finanza, la sanità e il controllo intelligente degli accessi in quelle aziende che hanno bisogno di sistemi di cui potersi fidare.

Ti potrebbe interessare