Cyberpunk 2077, la patch di gennaio provoca un nuovo bug

L’attesa patch di gennaio di Cyberpunk 2077 ha portato con sé un nuovo e fastidioso bug. Ecco la soluzione ufficiale di CD Projekt RED.

CD Projekt RED ha mantenuto le promesse, ma qualcosa non è andato come previsto. La tanto anticipata patch 1.1 di Cyberpunk 2077, la prima delle due in programma per risolvere i problemi legati all’esperienza finale di gioco su Xbox e PlayStation, è stata rilasciata poche ore fa, ma ha portato con sé un fastidioso nuovo bug che rischia di fare ancora più danni.

Il problema riguarda la missione principale “Down on the Street” e più precisamente l’incontro finale con Goro Takemura. Prima della patch 1.1 i giocatori giunti alla conclusione della missione venivano totalmente ignorati da Takemura, che avrebbe dovuto invece rivolgersi loro e fornire le indicazioni per andare avanti, lasciando il gioco in una fase di stallo.

La patch 1.1, però, ha reso le cose peggiori. Decisamente peggiori. I giocatori ora vengono sì chiamati da Takemura, ma il personaggio non parla e lo stallo è molto più grave rispetto a prima: riavviare Cyberpunk 2077 non risolve il problema e chi ha eseguito un salvataggio in occasione dell’incontro con Takemura si ritrova di fatto impossibilitato ad andare avanti, a meno di non avere un backup del salvataggio prima dell’ultima sovrascrittura.

La soluzione al bug di CyberPunk 2077 proposta da CD Project RED

Il grave problema è già noto a CD Projekt RED, che in queste ore ha diffuso una soluzione temporanea, a patto di avere un salvataggio precedente. È sufficiente caricare un salvataggio precedente al momento in cui V e Takemura lasciano l’ufficio di Wakako. Subito dopo la conversazione con Takemura davanti all’ufficio bisogna spostare il tempo in avanti di 23 ore. In questo modo, giunti al punto dell’ormai famosa conversazione, questa dovrebbe avvenire senza problemi e la progressione del gioco non subire alcuno stallo.

Chi, purtroppo, ha effettuato un salvataggio al momento del bug non ha molte alternative se non quella di andare a recuperare un vecchio salvataggio – a patto di non essere andato avanti a suon di sovrascritture dello stesso file di gioco – e riprendere l’avventura fino al momento clou, prestando la massima attenzione a seguire le indicazioni di CD Projekt RED almeno fino alla prossima patch ufficiale.

Ti potrebbe interessare