QR code per la pagina originale

Smart Home, in Italia è boom

Secondo un'indagine del Centro Studi Tim, il mercato vale 566 milioni e cresce del 26% l'anno. Nel 2023 atteso giro affari di 1 miliardo.

,

Il mercato globale della Smart Home raggiungerà quota 110 miliardi di euro nel 2023, con un incremento medio annuo di circa il 17%. E’ quando emerso da un’indagine compiuta dal Centro Studi TIM. Secondo i risultati del rapporto, USA e Cina sono i principali mercati, e sono cresciuti rispettivamente del 20 e del 40% nel corso del 2019 (per il 2020 la crescita è prevista invariata).

In Europa le nazioni con maggior valore di mercato sono Germania e Inghilterra, con circa 3,2 miliardi di euro, mentre Italia e Spagna hanno le migliori prospettive. Nel nostro Paese, infatti, nonostante un calo dei ricavi, è in forte crescita l’interesse per gli oggetti smart, pertanto gli esperti si aspettano un rimbalzo importante nel 2021.

Smart Home in Italia

Secondo un sondaggio effettuato dalla Doxa, il 90% degli italiani ritiene che la casa sia la priorità, a maggior ragione in periodi di lockdown come questi. Ma quasi la metà di loro (48%) si dice non pienamente o comunque “solo parzialmente” soddisfatto della propria abitazione, con una differenza legata all’età e al reddito oltre che alla tipologia di casa e al titolo di godimento dell’immobile. Il 23% degli italiani ritiene in tal senso che la casa ideale è quella tecnologica.

Per questo, nonostante il mercato della Smart Home in Italia abbia fatto registrare una lieve frenata rispetto al 2019 (-6%), gli esperti prevedono comunque una crescita media su base annua del 26%, con un giro d’affari che nel 2023 dovrebbe addirittura superare il miliardo di euro (oggi siamo intorno ai 566 milioni di euro). Questa maggiore attenzione degli italiani verso la propria abitazione ha portato alla vertiginosa crescita negli ultimi due anni delle vendite relative agli smart speaker, ovverosia gli altoparlanti dotati di assistenti vocali, che hanno infatti registrato un +59% nel 2019, e un +11% nel 2020 sul mercato.

Tra gli altri dispositivi interconnessi per l’automazione della casa, collegati al web e gestibili da remoto, ci sono poi i piccoli e grandi elettrodomestici smart e i dispositivi di controllo e connettività locale, quali gateway e hub, prese smart e comandi. Chiudono l’elenco telecamere, sensori ed altri sistemi di sicurezza e protezione fino a home entertainment, illuminazione smart e sensori per migliorare il comfort domestico, sistemi e prodotti per il controllo dei consumi energetici domestici.

Video:Roger Federer: il tennis con Google Glass