I pionieri dell’informatica italiani raccontati in sei podcast

La storia dei primi computer italiani al centro dei podcast del progetto crossmediale “Pionieri dell’informatica” realizzato dall’Università di Pisa.

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso l’Italia era un Paese all’avanguardia nel nascente mondo dell’informatica. Raccontare questo importante pezzo della storia d’Italia, con le voci dei protagonisti dell’epoca, è l’obiettivo del progetto crossmediale “Pionieri dell’informatica – Uomini e donne all’alba della rivoluzione digitale”, realizzato grazie al sostegno di Università di Pisa, Museo degli Strumenti per il Calcolo e Sistema Museale di Ateneo.

I primi computer italiani protagonisti dei podcast

“Pisa, grazie al suo spirito cosmopolita e alla sua capacità innata di saper sognare in grande e di sapersi predisporre al cambiamento – osserva il rettore, Paolo Mancarella – è riuscita a essere uno degli epicentri di questa rivoluzione epocale che ancora oggi trova qui l’ambiente adatto per sempre nuovi sviluppi”. Una storia da precursori, resa possibile anche perché l’Università di Pisa ha svolto appieno la sua funzione all’interno di un sistema che costituisce una delle maggiori concentrazioni di sapere e di qualità scientifica registrabile in Italia.

La prima tappa del progetto è la pubblicazione, sulle maggiori piattaforme, di sei podcast con i quali vengono tratteggiati i profili di alcuni dei personaggi principali. Si tratta di Giuseppe CecchiniElio FabriFranco FilippazziElisa MontessoriLuigi Pistelli e Roberto Vacca.

Le loro testimonianze, intervallate da una voce narrante, aiutano gli ascoltatori a ripercorrere le vicende che portarono alla realizzazione della Calcolatrice Elettronica Pisana e dell’Elea 9003 e alla installazione del Ferranti Mark 1 presso l’INAC di Roma. Gli episodi sono ascoltabili gratuitamente sulle pagine di Internet Festival delle piattaforme SpotifyApple podcast e Google podcast.


Il progetto “Pionieri dell’informatica”, promosso dall’Università di Pisa e dal Museo degli Strumenti per il Calcolo (parte del Sistema Museale di Ateneo) è stato curato dal regista Lorenzo Garzella, dal prof. Fabio Gadducci, direttore del Museo, da Maurizio Gazzarri ed Elisabetta Mori, esperti di storia dell’informatica e autori di libri e studi sull’argomento. Nei mesi scorsi sono state girate quindici interviste con il doppio scopo di realizzare un archivio di testimonianze e una nuova narrazione di quegli eventi.

Eventi che portarono a Milano e Roma all’acquisto di calcolatori elettronici dall’estero e a Pisa alla progettazione e costruzione dei primi computer italiani, frutto del lavoro dell’Università di Pisa e della società Olivetti di Ivrea. Le prossime tappe del progetto prevedono la realizzazione di una pagina web con le video interviste, ma i curatori stanno già lavorando per ulteriori episodi in podcast, altre interviste ed eventi di divulgazione e narrazione. Per tutti i dettagli vi rimandiamo alla pagina ufficiale del progetto.

Ti potrebbe interessare