Digitale terrestre, switch-off quasi completo: e ora che succede?

Digitale terrestre: cosa accadrà quando sarà completato lo switch-off e dal prossimo gennaio avverrà il passaggio definitivo all’HEVC?

Il digitale terrestre così come lo abbiamo conosciuto in questi ultimi anni cambia sempre di più ogni giorno che passa in ogni angolo d’Italia. Il 2022 è l’anno in cui si completerà il cosiddetto Switch-off TV, il passaggio da parte delle emittenti televisive a sistemi di trasmissione digitale di seconda generazione. Una vera e propria trasformazione tecnologica che servirà a cedere alcune frequenze che oggi sono occupate dalla TV – quelle in banda 700 MHz – ai gestori di telecomunicazioni per il 5G, come deciso dall’Unione Europea nel 2017.

Switch-off agli sgoccioli, e dopo? Cosa cambierà per i consumatori

La transizione al nuovo digitale terrestre è stata abbastanza indolore per la maggior parte dei consumatori, visto che quasi tutti hanno ormai aggiornato i dispositivi che hanno in casa per poter ricevere il nuovo segnale. Con la redistribuzione delle frequenze e col nuovo formato video, bisogna pertanto risintonizzare i canali televisivi per poter continuare a vedere tutti i programmi. Il refarming si concluderà il 30 giugno 2022. Altro cambiamento riguarda la qualità delle immagini sullo schermo.

La transizione serve infatti anche a migliorare ulteriormente la resa visiva dei programmi in alta definizione, in favore quindi del nuovo segnale Full Hd e potenzialmente, 4K.

Al 1° luglio, finito il refarming, inizierà poi una fase di stabilità, senza ulteriori spostamenti di frequenze o di numerazione. Quindi non accadrà più nulla fino al cambio definitivo al DVB-T2 con il relativo sistema di codifica HEVC Main10, che avverrà dall’1 gennaio 2023. Si potrà quindi ottenere un ulteriore guadagno in efficienza nell’uso dello spettro, minore inquinamento elettromagnetico (trasmissione del segnale a potenza più bassa), e migliore qualità audio e video per l’utente, ponendo le basi per l’evoluzione verso la TV 4.0.

Come verificare se la TV o il decoder possono ricevere il nuovo segnale

Ricordiamo che per verificare se le vostre TV o i vostri decoder sono compatibili col nuovo segnale del digitale terrestre avete due diverse opzioni. La prima è legata alla data di acquisto: tutti i TV o i decoder acquistati in Italia dopo il dicembre 2018 saranno perfettamente funzionanti anche dopo il completamento dello Switch off TV, ma c’è un modo ancora più veloce per scoprirlo, come potete leggere sul sito ufficiale del MISE, e come vi accenniamo qui:

Per vedere se la vostra TV o il vostro decoder sono compatibili con DVB-T2 non dovete far altro che provare a visualizzare i canali di test 100 e 200: se vedete RAIUNO sul canale 1, verificate che sul canale 100 appaia la scritta “Test HEVC Main10”.

Allo stesso modo se vedete Canale 5 sul canale 5, verificate che sul canale 200 appaia la medesima scritta. Se compare tale scritta, l’apparato è compatibile con il nuovo standard di trasmissione. In caso di incompatibilità del vostro decoder o della vostra TV con il DVB-T2, la soluzione è soltanto una: acquistare un nuovo decoder o una nuova TV con decoder incorporato. Per tutti i dettagli, anche sui relativi aiuti statali e bonus, vi rimandiamo a questo articolo.

 

 

 

Ti potrebbe interessare