QR code per la pagina originale

LG G7: ampia visuale

LG G7 ThinQ è uno smartphone con schermo FullVision da 6,1 pollici con notch, processore Snapdragon 845 e doppia fotocamera posteriore da 16 megapixel.

Prezzo

€ 850

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Design8
  • Prestazioni8
  • Qualità prezzo7
Pro

È un terminale senza fronzoli che bada al sodo, robusto, maneggevole e ben assemblato. Molto utile la fotocamera grandangolare

Contro

Batteria sottodimensionata, soprattutto rispetto alla concorrenza. La mancanza del dual SIM si fa sentire, soprattutto in un mercato come l’Italia

Di , 28 giugno 2018

Come preannunciato, LG ha svelato ufficialmente il nuovo G7 durante un evento organizzato a New York. Lo smartphone possiede un design differente dal precedente G6, uno schermo con notch, una sezione audio Hi-Fi e un pulsante dedicato per Google Assistant. Il suffisso ThinQ (si pronuncia “thin-cue”), usato anche per il V30S, indica le funzionalità IA sviluppate per la doppia fotocamera posteriore.

Design ()

A prima vista il design del G7 sembra simile a quello del V30. Lo schermo FullVision occupa quasi interamente la parte frontale, ma l’area di visualizzazione (e dunque lo screen-to-body ratio) sono stati ulteriormente incrementati, riducendo lo spessore della cornice superiore e lasciando un notch per la fotocamera, l’auricolare e i sensori. LG ha migliorato la qualità costruttiva rispetto al G6, scegliendo un profilo in alluminio e un vetro Gorilla Glass 5 per la cover posteriore. Lo smartphone ha ricevuto la certificazione IP68 e superato anche 14 test previsti dallo standard MIL-STD-810G, quindi resiste ad acqua, polvere e altri agenti atmosferici.

Il pulsante di accensione non è più abbinato al lettore di impronte digitali sul retro, ma è stato posizionato sul lato destro e può essere sfruttato anche per avviare l’app Fotocamera con un doppio tap. Sul lato sinistro ci sono invece i pulsanti per la regolazione del volume e il nuovo pulsante per Google Assistant. Premendo due volte si attiva Google Lens, mentre con una pressione prolungata si può usare la funzionalità Walkie Talkie. Il pulsante può essere disattivato, ma non associato ad altre app.

Schermo Super Bright ()

Il G7 possiede uno schermo FullVision da 6,1 pollici con risoluzione Quad HD+ (3120×1440 pixel) e rapporto di aspetto 19.5:9. Il produttore ha utilizzato un nuovo pannello LCD che consente la leggibilità anche sotto la luce solare, grazie ad una luminosità massima di 1.000 nit, da cui il nome Super Bright. Questo valore viene mantenuto per tre minuti, quindi inizia a diminuire per evitare un eccessivo consumo della batteria. Il display copre il 100% dello spazio colore DCI-P3 e supporta lo standard HDR10.

L’utente può scegliere sei opzioni che permettono di impostare diversi parametri in base al tipo di contenuto: Auto, Eco, Cinema, Sports, Game e Expert. In modalità Auto, lo smartphone analizza automaticamente il contenuto di foto e giochi per ottimizzare il display e il consumo energetico. L’utente può inoltre perfezionare ulteriormente l’immagine, regolando la temperatura dei colori e i singoli livelli RGB. Il notch, che LG chiama New Second Screen, può essere nascosto con una finta cornice nera o altri colori per ottenere un effetto più personale.

Fotocamera intelligente ()

L’intelligenza artificiale viene utilizzata principalmente per la doppia fotocamera posteriore con sensori da 16 megapixel. Quella principale possiede un obiettivo standard (71 gradi) con apertura f/1.6, mentre quella secondaria ha un grandangolare (107 gradi) con apertura f/1.9. La AI CAM, introdotta con il V30S, offre ora 19 modalità di scatto. Gli algoritmi di machine learning analizzano il soggetto inquadrato e suggeriscono le impostazioni migliori. La modalità Super Bright Camera permette invece di scattare foto nitide in condizioni di scarsa illuminazione. Altre funzionalità sono Live Photo, Stickers 2D/3D e modalità Ritratto (effetto bokeh). La fotocamera frontale ha una risoluzione di 8 megapixel e un obiettivo con apertura f/1.9.

Scheda tecnica ()

Il G7 integra un processore Snapdragon 845, 4 GB di RAM LPDDR4x e 64 GB di memoria flash, espandibile con schede microSD fino a 2 TB. In determinati paesi sarà disponibile anche una versione Plus con 6 GB di RAM e 128 GB di storage. La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, NFC e LTE. Sono inoltre presenti la porta USB Type-C, il jack audio da 3,5 millimetri e la radio FM. Grazie alla tecnologia Super Far Field Voice Recognition, il microfono permette di usare i comandi vocali di Google Assistant da una distanza di cinque metri.

Altra novità è il Boombox Speaker da 1,2 Watt. LG ha sfruttato lo spazio interno per creare una cassa di risonanza e offrire un suono più potente. Quando lo smartphone viene appoggiato su una superficie solida o una scatola, la cassa di risonanza diventa un woofer che amplifica l’effetto delle basse frequenze. Il G7 ThinQ integra inoltre un Quad DAC Hi-Fi e supporta il DTS: X 3D Surround Sound che assicura un suono cinematografico mediante normali auricolari.

La batteria da 3.000 mAh supporta la ricarica rapida Quick Charge 3.0 e la ricarica wireless Qi. Dimensioni e peso sono 153,2×71,9×7,9 millimetri e 162 grammi, rispettivamente. Il sistema operativo è Android 8.0 Oreo.

Prezzo ()

Il G7 è disponibile da fine maggio 2018 in Corea e successivamente arriverà in Nord America, America Latina, Asia e Europa. Quattro i colori al lancio: New Platinum Gray, New Aurora Black, New Moroccan Blue e Raspberry Rose. In Italia può essere acquistato dall’inizio di giugno 2018 ad un prezzo di 849,99 euro.

Recensione ()

Dopo il (mezzo) passo falso di G5 e gli ottimi risultati di G6 e del V30, due top di gamma ben fatti, LG centra nuovamente l’obiettivo di portare sul mercato uno smartphone di fascia alta che convince grazie alla sua concretezza.

Sì, perché questo LG G7 è uno smartphone che punta al sodo in tutti i suoi aspetti. In primis, il design e il suo form factor: il G7 infatti è elegante, ben costruito ma soprattutto è maneggevole, si impugna molto bene e dà un’idea di robustezza. Un’idea che è confermata non solo dalle prime impressioni che si hanno impugnandolo ma anche dalla certificazione IP68 e dall’aderenza allo standard militare MIL-STD 810G per la resistenza a urti e vibrazioni.

Oltre alla qualità costruttiva, l’altro aspetto che ci ha convinti di più è la multimedialità di questo terminale. Lo schermo è un ottimo IPS e ha una visibilità e una luminosità tra le migliori sul mercato, soprattutto quando lo si visualizza sotto la luce diretta del sole.

Buono anche l’audio, anche se mono, che è nitido e potente e può diventarlo ancora di più grazie alla funzionalità Boombox che consente al terminale, se appoggiato su una superficie, di aumentare il suono sfruttando l’effetto cassa di risonanza.

Ma a far la differenza, nel comparto multimediale, è la fotocamera grandangolare. Nonostante abbia perso qualche grado nell’angolo di visuale, passato ora a 109 gradi, consente di fare ottime foto con la sua ottica da 16 megapixel ƒ/1.9, soprattutto scatti che altri top di gamma non riescono a eseguire.

Va dato il merito a LG di non aver inseguito i trend del momento sulle fotocamere, concentrandosi su una funzionalità, quella delle foto grandangolari che sta diventando iconica dei terminali della casa coreana. L’aver perso qualche grado poi ha davvero consentito, rispetto a G5 e a G6, di migliorare la qualità fotografica riducendo considerevolmente la distorsione degli scatti.

La fotocamera principale invece è una 16 megapixel ƒ/1.6, esattamente la stessa di LG V30, dunque capace di scatti molto buoni anche in condizioni di scarsa illuminazione e con una messa a fuoco decisamente veloce e precisa. Ottima anche la funzionalità dell’app fotocamera di riconoscere automaticamente l’inserimento di un microfono esterno, una caratteristica che non sempre si trova sui top di gamma.

Per il resto, nell’utilizzo fatto nei nostri test, questo LG G7 si è sempre comportato egregiamente. È stato veloce nell’utilizzo di tutti i giorni e affidabile, le uniche note negative sono state la durata della batteria, discreta se si pensa che a equipaggiare il G7 è una 3.000 mAh, ma sottotono rispetto a top di gamma che hanno dotazioni maggiori, e la mancanza del supporto dual SIM, una caratteristica ormai imprescindibile anche nei top.

Immagine: LG