UE, ok definitivo allo standard USB-C come caricatore universale: cosa cambia?

Finalmente arriva il sì del Parlamento europeo ai caricabatterie USB-C unici per i dispositivi elettronici.
Finalmente arriva il sì del Parlamento europeo ai caricabatterie USB-C unici per i dispositivi elettronici.

Ci sono voluti più di dieci anni tra proposte e rinvii, ma finalmente l’Europarlamento ha dato l’ok definitivo progetto di modifica della direttiva 2014/53/UE, provvedimento nato per armonizzare le legislazioni degli Stati membri nell’immissione sul mercato di apparecchiature radio, in particolare sulla regolamentazione dei caricatori che accompagnano quasi ogni dispositivo elettronico, dagli smartphone ai tablet, fino alle macchine fotografiche.

L’UE sceglie lo standard USB-C per il caricatore universale

Dopo anni di proposte e discussioni, la Commissione europea passa finalmente all’azione, dunque. Gli eurodeputati della Commissione per il Mercato Interno di fatto danno vita a una legge che, all’interno del blocco di 27 nazioni, segna una svolta importante sia per i consumatori che per l’ambiente, visto che servirà a ridurre i rifiuti elettronici. Secondo la Commissione europea questi ultimi sono uno dei tipi di “immondizia” in maggior crescita nell’UE, e si stima che possano arrivare a più di 16 milioni di tonnellate entro il 2022.

L’introduzione di un caricatore unico USB-C con cavetti di tipo USB-C  per tutti i prodotti (non solo smartphone, lettori digitali, ma anche “wearable” come braccialetti digitali) abbasserà anche il costo dei prodotti e migliorerà la sicurezza e l’interoperabilità dei caricatori.

“All’interno dell’Unione le porte USB-C, diventeranno il formato standard unico per tutti gli smartphone, i tablet, le videocamere, le cuffie, gli altoparlanti portatili e le console portatili per videogiochi”, si legge in una nota ufficiale della Commissione. In aggiunta, la proposta di legge della Commissione UE invita a separare la vendita del connettore per la ricarica da quello dei dispositivi elettronici, come diverse aziende fanno già da tempo.

Già qualche mese fa la la vice-presidente della Commissione Róża Thun und Hohenstein aveva tuonato che “L’UE deve mostrare la sua leadership e smettere di lasciare che i giganti della tecnologia ci impongano i loro standard. Se la sovranità digitale significa qualcosa per questa nuova Commissione, ci aspettiamo che vengano stabiliti gli standard per un caricatore comune entro pochi mesi”.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti