QR code per la pagina originale

Lord of Arcana

Il nuovo RPG Square-Enix debutta su PSP, ma non soddisfa appieno le aspettative

Voto WebNews
6,8
Data di uscita

4 Febbraio 2011

Giudizi
  • Giocabilità6,0
  • Grafica8,0
  • Sonoro8,0
  • Longevità5,0
Pro

Grafica ben realizzata. Esperienza single player soddisfacente. Audio convincente.

Contro

Scarsa profondità di gioco. Scelta limitata delle armi. Multiplayer solo in locale.

Di ,

Trama

La prima metà del 2011 è particolarmente attiva per Square-Enix, con ben quattro nuovi titoli PSP: Tactics Ogre, Third Birthday, Dissidia 012 e Lord of Arcana, al centro della nostra recensione. Un titolo che offre spunti interessanti, pur senza eccellere o in ogni caso dimostrare di essere un gioco pienamente maturo e sviluppato a fondo.

L’ambientazione di Lord of Arcana è nell’immaginario Horodyn, con una classica situazione di partenza, quella del pacifico regno minacciato da forze oscure e un personaggio senza memoria del proprio passato ma conscio del proprio destino di eroe predestinato su cui poggia l’intero destino del regno. Tale obiettivo si realizza attraverso la raccolta di una serie di pietre, denominate Arcana, capaci di ribaltare le sorti del mondo in cui si svolge l’azione.

L’editor del titolo permette di personalizzare il protagonista, con una serie basilare di opzioni, soprattutto a livello estetico per il nostro avatar. Si parte comunque con l’arma iniziale, come una spada a due mani o un’ascia, scelta che insieme alle altre tradizionali di un titolo di chiara impronta GDR, andrà a influenzare la crescita dell’avatar e il conseguente stile di gioco. È possibile in ogni modo modificare in seguito la scelta iniziale dell’arma.

La struttura del gioco ricalca quella di ogni GDR che si rispetti: una serie di quest, assegnate dagli NPC con cui interagiremo. Prima di potersi cimentare nelle missioni principali che riguardano gli Arcana, il nostro avatar deve rafforzarsi e dimostrarsene degno completando le quest affibbiateci dalla Gilda degli Avventurieri. Le missioni principali si svolgono in una seria di aree collegate fra loro, con lo scopo che passa dalla raccolta di un certo quantitativo di oggetti, la sconfitta del personaggio predominante in tale area, o l’annientamento di un numero determinato di mostri di minore importanza.

Abbiamo notato un aspetto poco gradito nello sviluppo del gioco: nel caso non riuscissimo a portare a termine la quest con successo, eventuali oggetti raccolti e progressioni di livello conquistati andranno irrimediabilmente persi. Possiamo comunque ripetere ogni quest ogni volta che si vuole, fino al successo nella stessa.

Durante tali missioni andremo a confrontarci con avversari, in cui le limitate mosse a nostra disposizione, e di conseguenza la ripetitività delle stesse, si manterranno costanti nello sviluppo del gioco. Anche l’intelligenza artificiale dei nostri avversari non ci è sembrata così apprezzabile, con scontri alla fine banali una volta imparato il sistema per uscirne vincitori (attacco con la nostra arma, quindi quello magico o con abilità speciale).

Peccato che aggiunte al gameplay altrimenti degne di nota, come le Summon, non risaltino adeguatamente. Il sistema di progressione a livelli, sia per il personaggio che per la competenza nell’uso delle armi e della magia, consente di crescere potenziandosi, utile prima di ripetere una sfida fallita, e valida nel gioco singolo. Il gameplay spazia dal single player al multiplayer, disponibile però limitatamente al gioco in locale e non online, rendendo di fatto la prima come unica strada percorribile.

Fortunatamente a puro livello tecnico Lord of Arcana ci ha soddisfatto, con grafica e audio di qualità elevata per la PSP. In particolare il comparto grafico eccelle per il dettaglio degli ambienti e dei personaggi, in cui abbiamo apprezzato anche e soprattutto la fluidità e verosimiglianza dei movimenti. Molto buono anche il sonoro, molto godibile sia per effetti audio sia per il commento musicale, sempre appropriato in ogni momento.

Altro aspetto da salvare, pur non raggiungendo livelli d’eccellenza, è la serie di missioni in single player, che si susseguono una dopo l’altra con una progressione equilibrata e una trama moderatamente coinvolgente. Vediamo Lord of Arcana come un banco di prova per qualcosa di più evoluto, soprattutto sul versante multiplayer e con una maggiore profondità di sviluppo e di gioco.