QR code per la pagina originale

Super Smash Bros. Brawl

Semplice, divertente e "antologico", una meritata autocelebrazione per Nintendo

Voto WebNews
8,9
Data di uscita

27 Giugno 2008

Giudizi
  • Giocabilità9,0
  • Grafica8,5
  • Sonoro9,0
  • Multiplayer9,0
  • Longevità9,0
Pro

Scontri piacevoli e divertenti, ottimo sonoro, ottima profondità di gioco, una vera enciclopedia sul mondo Nintendo

Contro

Online e single player non all’altezza

Di ,

Giocabilità

Il massimo del divertimento di Super Smash Bros Brawl si ottiene con il multiplayer offline visto che, il collegamento per le sezioni online, non è stato curato al massimo e risulta lento, semplicistico e quasi anonimo.

Come già citato, il gioco consiste in combattimenti frenetici fra due o quattro giocatori in arene piene zeppe di armi, oggetti e power-up. Visto che l’obbiettivo è di buttare giù l’avversario il maggior numero di volte (vince chi cade di meno), dopo ogni balzo la caduta non è immediata ma è rallentata per meglio consentire spostamenti direzionali o altre capacità.

I controlli per governare i vari personaggi sono più rigidi rispetto agli altri giochi Nintendo:  per diventare abili è necessario uno sforzo che sarà premiato nel tempo con una maggiore praticità nel controllo. Le prime difficoltà dei comandi, insieme alle cadute rallentate, possono un po’ meravigliare i nuovi giocatori, ma solo nei primi momenti.

Le combo per ogni personaggio si effettuano con la stessa combinazione di pulsanti, cambiando solo l’effetto sullo schermo. I comandi principali si impartiscono tramite stick analogico e la pressione di due pulsanti (uno per gli attacchi base, l’altro per gli attacchi speciali). Ci sono poi le combinazioni per effettuare la presa, il pulsante per saltare e quello per difendersi.

Campo libero su quale hardware utilizzare per giocare: possiamo, per esempio, usare il telecomando Wii, il telecomando più il Nunchuk, il controller tradizionale o il vecchio pad del GameCube.

I 35 personaggi utilizzabili sono tutti diversi fra di loro, sia per quanto riguarda l’estetica, sia per le capacità. Se alcuni sono lenti, ben fermi a terra, forti, e molto capaci nel corpo a corpo, altri sono veloci, agili, dotati di armi da lancio e in grado di compiere grandi balzi.

A spargere altra benzina sul fuoco ci pensano i power-up e gli oggetti che cadono in modo casuale sullo stage: in questo episodio è possibile catturarli al volo, lanciarli o catturali correndoci sopra. Il numero di questi oggetti è davvero enorme e le abilità che concedono sono le più svariate.  Questi extra non vengono in aiuto dei giocatori in difficoltà, ma sono una sorpresa per chiunque e si possono rivelare fondamentali o completamente inutili. Fra i più sorprendenti vi segnaliamo il Respingente (arma già vista nel primo episodio in grado di respingere i nemici), il piatto al Curry (piatto piccante che vi darà la possibilità di sparare palle di fuoco) oltre che alle classiche spade laser, sfere pokè, bombe, mazze da baseball, bucce di banane ecc.

Ci sono poi altri due oggetti introdotti in Super Smash Bros Brawl. Il primo è l’astronave Dragon (la stessa vista in Kirby Air Ride ), ovvero un oggetto composto da tre “pezzi” che, una volta costruito, scatenerà una potenza enorme sui vostri avversari; il secondo è la sfera che sblocca la “super-smash”, una mossa particolarmente potente che ogni personaggio possiede e in grado di capovolgere le sorti della battaglia.

La longevità è ottima: non solo si possono affrontare una combinazione di incontri quasi infinita, ma la disponibilità di bonus, trofei e adesivi, saprà catturare l’attenzione di ogni collezionista o di ogni giocatore abituato a completare i giochi al 100%. Se le sezioni online si fossero dimostrate piacevoli come quelle offline, questo episodio di Super Smash Bros poteva considerarsi un gioco veramente infinito. Peccato.

Giudizio tecnico

Tecnicamente, il gioco è molto ben realizzato e non ha niente da invidiare a capolavori quali Super Mario Galaxy. In uno schermo a 16:9, con un risoluzione a 480p, il gioco non fa fatica a mostrare 60 fotogrammi al secondo restituendo un ambiente più che fluido. Tanta fluidità costa, anche se di poco, in dettaglio grafico: Super Smash Bros Brawl, infatti,  non sfrutta appieno le possibilità del chip grafico della Wii, anche se esplosioni, luci, ecc., sono ben realizzate.

Un plauso và alla sezione musicale: per le tracce che accompagnano il gioco, Nintendo ha scomodato i più grandi compositori di musica per videogame, fra cui Uematsu che cura anche il tema musicale principale.

Esteticamente, il tutto è ben realizzato anche se dobbiamo far notare come il “miscuglio” di personaggi di vari mondi possa creare qualche stonatura. D’altronde conciliare l’estetica grossolana e umoristica di personaggi come Mario e Wario con personaggi più “seri” come Snake di Metal Gear non è un compito facile, per non parlare della proporzione fra personaggi.

Super Smash Bros Brawl è capace, inoltre, di trasformare la vostra consolle Wii in un vecchia console Nintendo: per chi non conosce i personaggi, il gioco mette a disposizione dei piccoli episodi delle saghe originali con tanto di grafica a due dimensioni, oltre a un elevato numero di informazioni storiche sui giochi e sull’azienda stessa.