QR code per la pagina originale

Opera: nel mirino estensioni e Android

Novità in arrivo per il browser Opera, tra estensioni per il desktop, una versione per Android, accelerazione hardware e pinch to zoom per iPhone

,

Opera Software, azienda sviluppatrice dell’omonimo browser per la navigazione in rete, ha le idee chiare per il futuro e delinea quelle che sono le strategie per le prossime versioni. In particolare, le novità sono due: le estensioni per l’edizione 11 della versione desktop, e l’arrivo di una versione mobile per ambienti Android, dopo l’approdo nell’App Store di iPhone e su Symbian diversi tempo fa.

Quella delle estensioni, in fondo, non rappresenta poi una vera e propria innovazione, ma più che altro il tentativo da parte degli sviluppatori di allinearsi a quelle che sono le funzionalità presenti nella quasi totalità delle altre applicazioni del settore. Impossibile pensare ad un browser moderno privo della possibilità di implementare ulteriori funzionalità sulla base delle proprie esigenze, e dunque ecco che dalla versione 11 Opera permetterà di installare addon.

Per realizzare le estensioni saranno sufficienti conoscenze di HTML, CSS e JavaScript, e sarà necessario rispettare gli standard del W3C. L’installazione avverrà tramite un’apposita finestra, un pò come accade in Mozilla Firefox, tramite la quale sarà possibile gestire tutte quelle precedentemente installate. Presente anche il supporto al drag&drop, per trascinare nel browser i plugin da installare direttamente dal computer locale.

Di Opera 11 non si hanno ancora particolari informazioni, e solo con i primi rilasci delle versioni di sviluppo, destinate principalmente agli addetti ai lavori, si potrà avere un quadro più chiaro della situazione. Per tenersi aggiornati sull’argomento è disponibile un apposito portale sul sito di Opera, destinato alle informazioni per gli sviluppatori.

Per estendere la propria influenza nel mondo mobile, poi, la società norvegese ha come obiettivo la realizzazione di una versione del browser per ambienti operativi Android: la piattaforma realizzata da Google rappresenta sempre più una delle realtà più apprezzate nel mondo degli smartphone, e dunque può significare per Opera un’ulteriore fonte di utenti. Per vedere i primi frutti del lavoro degli sviluppatori è necessario attendere circa un mese.

Novità in arrivo anche sul fronte iPhone: a breve dovrebbe essere rilasciato un aggiornamento per l’applicazione disponibile in App Store, che porterà con sé come principali novità il “pinch to zoom“, uno strumento per migliorare il dimensionamento dei caratteri delle pagine web in base alle dimensioni dello schermo e alla risoluzione in uso, e l’accelerazione hardware, per ottimizzare le prestazioni del browser.

Notizie su: