QR code per la pagina originale

Skype e Facebook, si può fare di più

Facebook e Skype son tornate attorno allo stesso tavolo per valutare la possibilità di una maggiore integrazione tra le parti. Videochiamate social?

,

Skype e Facebook si sarebbero riavvicinate. Dopo le prime trattative e le prime integrazioni, infatti, i due gruppi potrebbero essere nuovamente sedute allo stesso tavolo per discutere un ulteriore approfondimento dei rapporti per esprimere ancora di più le sinergie che due grandi nomi di questo calibro hanno la possibilità di identificare.

Ad oggi l’integrazione tra le parti è blanda, ma sembra essere una sorta di prova generale iniziata mesi or sono per sentire il polso agli utenti. Oggi Facebook può sfruttare Skype per l’invio di messaggi ed SMS da mobile, così come Facebook può essere usato su Skype per gli aggiornamenti di stato. secondo Bloomberg, però, ora sul tavolo delle trattative vi sarebbe un accordo ben più ambizioso: la disponibilità delle videochiamate Skype sul social network più importante al mondo.

Facebook da parte sua conquisterebbe una funzionalità fino ad oggi mai sperimentata: avviare una funzione di videochiamata sul network, infatti, metterebbe tale funzione nelle mani di 500 milioni di utenti. Skype, da parte sua, si porterebbe in casa milioni di utenti fino ad oggi lontani dal VoIP dell’azienda, estendendo così la propria community proprio alla vigilia dell’annunciata quotazione in borsa.

Entrambi i gruppi, inoltre, con questo passo potrebbero prendere a spallate le ambizioni Apple nella comunicazione, allontanando i pericoli dettati da Facetime e creando in compartecipazione un nuovo canale comunicativo di grande appetibilità.

Le parti non commentano e tutto quel che è trapelato ad oggi è il ritorno alle trattative. Se la stretta di mano andasse a buon fine entro pochi mesi i primi frutti potrebbero essere comunicati cambiando ancora una volta il concetto di Facebook e le potenzialità del client Skype. Il che apre soprattutto agli utenti un orizzonte nuovo ed ulteriore, nel quale Facebook è sempre di più l’ombelico delle comunicazioni con i propri amici, i propri conoscenti, la propria community.

Fonte: Bloomberg • Notizie su: