QR code per la pagina originale

Ovi Store, molto meglio di App Store

Una ricerca tedesca dimostra che le applicazioni più usate hanno più fortuna su Ovi Store di Nokia rispetto l'App Store di Apple. Questione di visibilità.

,

Nonostante l’App Store di Apple sia di gran lunga il negozio virtuale di applicazioni per dispositivi mobile più diffuso e conosciuto al mondo, secondo quanto riporta una ricerca realizzata dalla società tedesca research2guidance, le possibilità di successo sono maggiori sugli store concorrenti, in particolare quelli di Nokia, Microsoft e Research in Motion (RIM).

I dati forniti dalla ricerca tedesca dimostrano infatti come, nel secondo trimestre del 2011, le applicazioni più comuni ed utilizzate hanno generato il 160% di download in più su Ovi Store rispetto alla media scaturita dall’App Store di Apple. La classifica vede poi in seconda posizione il Marketplace di Windows Phone con l’80%, seguito dal BlackBerry App World di RIM con il 43%. Le motivazioni potrebbero annidarsi in una minor concorrenza ed in una maggior visibilità, il che potrebbe determinare risultati migliori pur in presenza di un minor bacino d’utenza.

Gli altri concorrenti, a partire da Android di Google, si sono comportati invece “peggio” dell’App Store, con il 5% in meno rispetto al marketplace di Apple. Samsung’s App Store e LG World! hanno fatto ancora meno, rispettivamente del 20% e del 64%.

Dati curiosi, quindi, che permettono comunque di trovare plausibili motivazioni alla base. Il numero di applicazioni, nonché di utenza attiva, su iOS è decisamente superiore a quella registrata su Ovi Store, dove invece la ridotta concorrenza (in confronto si intende) e la minore base installata favoriscono medie dai risultati interessanti per le singole applicazioni più usate. Nokia e Microsoft avranno pertanto il dovere di ripartire da queste performance, perché il vantaggio reciproco con il mondo degli sviluppatori sarà un elemento fondamentale per far crescere le opportunità di successo dei futuri Nokia Windows Phone.

Fonte: BGR • Notizie su: