QR code per la pagina originale

PayPal, il re delle transazioni online

Uno studio di New Relic dimostra che PayPal è il preferito dagli utenti per le transazioni online, ma il più veloce resta Google Checkout.

,

PayPal elabora il 60% delle transazioni web mettendo all’angolo anche un colosso come Google, che può consolarsi comunque vantando il gateway di pagamento più veloce. Sono solo alcuni degli interessanti dati forniti dal nuovo studio di New Relic che ha esaminato l’incidenza sul web dei più popolari sistemi di pagamento della Rete. Un gateway di pagamento viene definito oggi come l’equivalente digitale di un registratore di cassa.

New Relic, una società specializzata nella gestione delle prestazioni web, ha dunque deciso di esaminare 65.000 transazioni generate da 21.000 applicazioni differenti, ottenendo in certi casi risultati sorprendenti. PayPal, e questo forse è l’aspetto meno scioccante, è di gran lunga il gateway di pagamento più sfruttato. Nel corso della prova, PayPal ha processato oltre 66.000 pagamenti, un numero superiore di tre volte a quello del concorrente più vicino, Authorize.net. Google Checkout si è invece dovuto accontentare del quinto posto con 3.400 pagamenti.

Dove trionfa il colosso di Mountain View è nella velocità delle operazioni. Il tempo medio di un’elaborazione di pagamento con Checkout è infatti pari a 0.26 secondi. In meno di un terzo di secondo, il sistema targato Google riesce ad analizzare e trasferire nome, indirizzo, numero di carta, dettagli di acquisto e altre informazioni all’istituto finanziario specifico. PayPal, da questo punto di vista, offre un servizio solo sufficiente: poco meno di un secondo e mezzo per terminare l’operazione. Il più lento, giusto per completezza d’informazione, è l’australiano Eway.com.au, che impiega più di un minuto e mezzo prima di completare l’elaborazione di pagamento.

John Essex, portavoce di New Relic, ha commentato: «Come in ogni passo riguardante l’esperienza di shopping online, è sempre più importante che le elaborazioni di pagamento avvengano in modo rapido e senza sforzo per il consumatore, perché qualsiasi ritardo nel tempo di transazione può portare alla vendita del cliente. A nessuno piace essere tenuto in attesa». Ma non è certo un problema per PayPal, non particolarmente lento e ancora il preferito, di netto, da parte degli utenti web.

Fonte: VentureBeat • Notizie su: ,