QR code per la pagina originale

Google porta le mappe indoor tra le ricerche

Le mappe indoor di Google Maps, utili per vedere cosa c'è all'interno delle attività commerciali, sono da oggi integrate nel motore di ricerca.

,

La recente introduzione delle mappe indoor su Google Maps sta contribuendo a rendere il servizio ancora più utile e completo. Grazie a questa novità gli utenti possono dare uno sguardo anche all’interno degli edifici, in particolare centri commerciali, aeroporti e stazioni per il trasporto pubblico. Per rendere ancora più semplice l’accesso alla funzionalità, bigG ha deciso di integrarla direttamente nelle SERP (pagine dei risultati) che vengono mostrate dopo una ricerca.

Digitando ad esempio il nome dello store “Treehouse Toys”, compariranno come sempre i link verso il sito ufficiale, le recensioni dei clienti e i prodotti in vendita. Sulla parte destra della schermata vengono però mostrate alcune informazioni relative a indirizzo e numero di telefono, con un pulsante utile a ottenere indicazioni stradali, una raccolta di immagini e una cartina contraddistinta dal testo “Guarda dentro”. Con un click verrà lanciata l’interfaccia di Google Maps, per poter passeggiare virtualmente tra gli scaffali del negozio.

Mappe indoor tra le ricerche di Google

Mappe indoor tra le ricerche di Google

La novità è stata annunciata nella serata di ieri con un post comparso sul profilo Twitter ufficiale del servizio, riportato di seguito: “Ora è più facile vedere cosa c’è all’interno di un’attività commerciale; cercando qualcosa su Google, basta un click sul pulsante ‘Guarda dentro’ presente sulla destra”.

I gestori di negozi o store possono chiedere l’integrazione delle fotografie a 360 gradi della loro attività in Google Maps. Questo permetterà di offrire un servizio aggiuntivo alla clientela e non da escludere la possibilità che in futuro bigG possa sfruttare questa novità per mettere in campo nuove forme di advertising.

Fonte: Google Maps su Twitter • Notizie su: