QR code per la pagina originale

iSmartAlarm iCamera Keep con archiviazione USB

In occasione dell'evento CEDIA, l'azienda iSmartAlarm ha presentato una nuova versione del dispositivo iCamera, con porta USB per lo storage delle riprese.

,

Il CEDIA Expo 2014 (Custom Electronic Design & Installation Association) andato in scena nei giorni scorsi ha rappresentato l’occasione perfetta per dare uno sguardo ad alcune delle nuove soluzioni proposte in ambito smart home. Tra queste anche la rinnovata versione Keep del dispositivo iCamera, prodotto e commercializzato da iSmartAlarm. Come ben comprensibile già dal nome si tratta di un device dedicato alla videosorveglianza dell’abitazione.

Un settore in cui le alternative di certo non mancano, partendo da Dropcam per arrivare a concorrenti come Simplicam. La nuova iSmartAlarm iCamera Keep ha però un vantaggio non da poco: è in grado di salvare i flussi video registrati nella memoria di un disco esterno connesso tramite porta USB. In questo modo gli utenti possono ad esempio collegare un hard disk da uno o più TB, lasciando che le registrazioni vengano salvate per diversi giorni, senza la necessità di eliminare di frequente quanto già immagazzinato. Il team al lavoro sul progetto ha inoltre dichiarato di essere al lavoro per l’implementazione del salvataggio su piattaforme di cloud storage, senza però specificare quando verrà messo a disposizione.

L'occhio elettronico della nuova iCamera prodotta da iSmartAlarm

L’occhio elettronico della nuova iCamera prodotta da iSmartAlarm

Il lancio sul mercato del dispositivo avverrà nel mese di novembre, inizialmente negli Stati Uniti e sul territorio UK, al prezzo di 149 dollari (circa 115 euro al cambio attuale). Tra le specifiche tecniche offerte il supporto alle registrazioni con risoluzione 1280×720 pixel, il sensore di movimento in grado di attivare il funzionamento di iCamera Keep quando qualcosa si sposta nella stanza e il visore notturno, per il funzionamento in ambienti bui. Inoltre, il device è in grado di operare in modo del tutto indipendente, non richiedendo perciò l’integrazione in un sistema completo per la gestione della smart home, consentendo la connessione da remoto per visualizzare in qualsiasi momento quanto sta accadendo all’interno dell’abitazione.

Via: CNET • Notizie su: