QR code per la pagina originale

La funzionalità Google My Maps integrata in Drive

A partire da oggi, la funzionalità Google My Maps e la gestione delle mappe personalizzate sono integrate nell'interfaccia della piattaforma Google Drive.

,

La funzionalità Google My Maps offerta dalla piattaforma Google Maps, per la creazione di mappe personalizzate, a partire da oggi è accessibile direttamente dall’interfaccia di Google Drive. L’annuncio è arrivato nelle ore scorse con un post comparso sulle pagine del blog ufficiale, in cui viene spiegata la semplice procedura per accedere alla feature: è necessario fare click sul pulsante “Nuovo”, scorrere fino alla voce “Altro” e infine selezionare “Google My Maps” (come visibile nello screenshot seguente).

Sia che stiate programmando un viaggio epico con i vostri amici oppure scegliendo il tragitto per la prossima vacanza sulla neve, è tutto molto semplice con lo strumento Google My Maps per la creazione di mappe personalizzate. A partire da oggi è possibile accedervi direttamente da Google Drive, così da rendere ancora più facile creare, consultare e condividere le mappe personalizzate.

Nell’occasione Google anticipa anche che, a partire dalla prossima settimana, tutte le mappe personalizzate create dagli utenti saranno accessibili nell’interfaccia di Drive, così da poterle organizzare, gestire e condividere in modo ancora più rapido e veloce, sfruttando (se lo si desidera) l’inserimento nelle cartelle come già avviene per tutti i documenti.

Google ha integrato la funzionalità My Maps nella piattaforma Drive

Google ha integrato la funzionalità My Maps nella piattaforma Drive

Un’altra novità riguardante il servizio è quella che permette di aggiungere un numero maggiore di punti d’interesse alle mappe, importare fogli di calcolo di grandi dimensioni e includere più informazioni in ogni singolo box. Si tratta dell’ennesima dimostrazione dell’impegno profuso dal gruppo di Mountain View per migliorare le piattaforme messe a disposizione degli utenti attraverso la loro integrazione, così da rendere sempre più facile l’accesso ai contenuti e alle informazioni salvate sui server di bigG.

Fonte: Google Maps • Via: TechCrunch • Notizie su: ,