QR code per la pagina originale

Google Base, in arrivo il portafoglio online

Google Base sarà presto dotato di una nuova funzionalità tale per cui sarà possibile vendere ed acquistare online fruendo dell'intermediazione di Google. Disponibili alcuni screenshot 'rubati' dai tester. L'annuncio giunge direttamente dal blog di Google

,

Google Base si appresta a vedere aggiunta una nuova funzionalità al servizio tale per cui sarà possibile vendere ed acquistare oggetti fruendo di una piattaforma per i pagamenti propria del gruppo Google (già battezzata a suo tempo Google Wallet, nonché Google Purchase, nonché Google Sierra). L’annuncio arriva direttamente dal blog ufficiale del servizio Google Base e grazie alle indagini effettuate da TechCrunch è possibile prendere visione anche dei primi screenshot originati dai test in atto.

Google spiega a grandi linee l’entità del progetto ed ammette i test in atto: «molti di voi hanno probabilmente già familiarizzato con il Google Account. Potete usarlo per utilizzarlo nei pagamenti di vari tipi di servizi, quali Google Video e Google Earth. Noi ora introdurremo una funzionalità simile in Google Base». Continua poi il comunicato: «per gli acquirenti, questa feature metterà a disposizione una via conveniente e sicura per acquistare su Google Base tramite carta di credito». Tramite Google Payments, inoltre, Google potrebbe facilitare le transazioni ai venditori (i quali sono chiamati fin da subito a collaborare contattando il gruppo a Mountain View).

Sembra dunque prendere corpo la direttiva tracciata da Google in un precedente post nel quale i responsabili Benjamin Ling e Tom Oliveri spiegavano che il gruppo ha intenzione di creare una procedura standard su cui veicolare i pagamenti (in entrata ed uscita) necessari all’uso dei propri servizi. TechCrunch ha investigato sull’argomento riuscendo a produrre alcuni screenshot chiarificatori. Compiendo una ricerca per lo stesso prodotto è possibile prendere visione dell’opzione “Payment through Google” (opzione non attiva), dalla quale i tester accedono al momento ad una paginata quale la seguente:

Figura 1: Pagamenti su Google Base
Pagamenti su Google Base (By TechCrunch)