QR code per la pagina originale

Gizmo precaricato su cellulari Nokia

Nokia si appresta ad immettere sul mercato due cellulari Nokia con software Gizmo precaricato al fine di poter accedere alle chiamate VoIP tramite il client nato dal progetto di Michael Robertson. I nuovi N80i ed E61i saranno disponibili da Maggio

,

Sta per arrivare in Italia una versione speciale dei cellulari Nokia N80i e Nokia E61i. La grande novità, e trattasi di qualcosa di assoluto interesse per il mercato e soprattutto per i consumatori, è nel fatto che i due dispositivi integreranno di default il client Gizmo per le chiamate VoIP in mobilità. La notizia è stata annunciata da Luca Filigheddu, blogger impegnato nel mondo della telefonia su IP, il quale cita come fonte direttamente ‘mister MP3.com’ Michael Robertson (fondatore e CEO Gizmo Project).

L’installazione di Gizmo sui due cellulari (la cui distribuzione non ha ancora una data precisa ma è indicata per inizio Maggio) è un esperimento senza precedenti a livello mondiale e sulla base dei risultati dell’avventura italiana i due gruppi determineranno come proseguire la partnership avviata (e nata a suo tempo con la prima dotazione Gizmo sui tablet N770 ed N800).

Gizmo su Nokia N80i e d E61i

Quel che appare certo è il fatto che entro Giugno l’esperimento giungerà ad una seconda fase portando su N80i ed E61i anche le funzioni di instant messagging con tanto di buddy list e informazioni sulla presenza. I due cellulari saranno distribuiti inoltre con tanto di credito precaricato, così da poter testare le funzionalità del servizio prima di abbracciarlo definitivamente: è accordato un credito da 10 euro per il dispositivo N-series e 3 euro per l’E61i.

La notizia è ovviamente di tutto interesse e stride fortemente con quanto proveniente nei giorni scorsi dal Regno Unito, ove Vodafone ha iniziato la distribuzione dei nuovi N95 con firmware adeguatamente modificato per inibire le funzionalità VoIP all’utenza (spiegando poi in modo sgangherato di aver operato una scelta dettata dalla volontà di tutelare i propri utenti da eventuali connessioni involontarie).