QR code per la pagina originale

MS Ignition: trampolino per band emergenti

Da Redmond arriva un programma pubblicitario musicale che mette a frutto i diversi fronti sui quali si è mossa Microsoft in questi anni, da Zune alla Xbox, da MSN a Soapbox. Il tutto è dedicato ad artisti emergenti e basato su contenuti originali

,

Un mese di promozione con i mezzi di Microsoft: download dei brani in evidenza sullo Zune Marketplace, video scaricabili dal portale Xbox Live e MSN Live più la produzione dedicata di una serie di contenuti extra come backstage o interviste. Si chiama Microsoft Ignition ed è la nuova iniziativa di Redmond dedicata alla musica che mette a frutto i diversi fronti su cui da tempo è impegnata l’azienda.

Non è da poco infatti che Microsoft si interessa alla musica, non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche da quello della promozione (poichè da quando possiede uno store online anche la produzione è diventata un evidente interesse). Già da un anno sponsorizza tour musicali e di recente ha annunciato il suo concerto beneficoLive Earth“. Inoltre le sue attività parallele come Soapbox di MSN o Xbox Live da tempo spingono sul fronte dei contenuti videomusicali, meglio se originali ed esclusivi.

L’iniziativa è riservata alle band emergenti e la prima ad usufruirne sarà quella dei Maximo Park (già recensiti da MTV, già presenti su MySpace, già attivi su YouTube), un gruppo inglese che farà da apripista.

Gli artisti infatti saranno coinvolti in prima persona nella produzione dei contenuti originali da accludere al progetto pubblicitario e a tal proposito Christina Calio, direttrice del music marketing è stata chiara: «non vogliamo le stesse cose che vanno su MTV».

Già in molti speculano in rete sulla bontà teorica dell’iniziativa e sul fatto che probabilmente molto del successo di Ignition sarà dovuto alla qualità delle band selezionate e quindi all’effettiva capacità di Microsoft di essere un buon gatekeeper, selezionando le cose più interessanti per il suo pubblico di 30 milioni di utenti complessivi.

Video:Waymo: la guida autonoma secondo Google