QR code per la pagina originale

Google, possibile investimento nella telefonia

Mancano ancora le conferme ufficiali, ma a quanto pare Google avrebbe concluso una interessante acquisizione nel mondo della fonia: il nome scelto è GrandCentral, il cui servizio permette di redirezionare le chiamate da un numero a tutti i propri telefoni

,

Google potrebbe aver concluso l’operazione di acquisto della piccola GrandCentral. Il rumor giunge da Michael Arrington, ma ancora non gode di alcuna conferma ufficiale. Nonostante ciò Techcrunch sostiene che la notizia goda di buona attendibilità e per conferme ulteriori si rimane in attesa di email ufficiali provenienti dalle parti in causa (Michael Arrington è da tempo vicino al gruppo in seguito a precedenti interventi sull’argomento).

GrandCentral è uno dei gruppi rientrati nella Webware 100 di CNet, dunque il nome non è nuovo agli utenti più attenti ai nuovi servizi della rete.

GrandCentral

La caratteristica peculiare di GrandCentral è nel suo approccio alla telefonia: «il nuovo modo per usare il tuo telefono». La promessa, infatti, è quella di identificare l’utente con un solo numero identificativo, qualsiasi possa essere il canale usato per chiudere il circuito comunicativo con il mittente. Così facendo VoIP, telefonia fissa e mobile diventano canali “trasparenti” che l’utenza ignora nel momento in cui compone un numero che rimane sempre univoco.

L’impegno Google nel settore significherebbe nuova linfa al VoIP e al tempo stesso comporterebbe interessanti novità tanto per Gmail quanto per Google Talk (gli strumenti che più di ogni altro in Google sarebbero coinvolti dall’operazione). Inevitabilmente il tutto aprirebbe un nuovo fronte di sfida tra eBay e Google perchè sulla telefonia il grande nome del mercato è ad oggi ancora Skype (che peraltro già offre uno strumento di redirect telefonico similare tramite il trasferimento di chiamata impostabile sul client). Le sovrapposizioni con Skype sono numerose e, nonostante quest’ultimo nome goda ormai di una community di milioni di utenti, la mossa GrandCentral appare come un ennesimo strattone al braccio di ferro in atto dopo lo strappo sugli Adwords.