QR code per la pagina originale

Continua il calo delle vendite Blu Ray

Nonostante la vittoria della guerra dei formati i lettori a laser blu continuano a non vendere. Colpa di un prezzo troppo alto, della poca innovazione della tecnologia e colpa della concorrenza dei dvd upscale e dei film da scaricare

,

Quando il consorzio Blu Ray vinse definitivamente la guerra dei formati, con l’abbandono di HD DVD, si gridò al trionfo e con tutto quell’urlare in pochi sentirono le Cassandre come Steve Jobs pronunciare a mezza bocca la prossima sfida, quella con il download.

Eppure ora tutti riconoscono che, nonostante sia rimasto l’unico formato ad alta definizione, il Blu Ray non vende come dovrebbe, anzi non vende proprio. Tra Gennaio e Febbraio le vendite dei lettori Blu Ray sono crollate del 40% e in Marzo si sono riprese solo del 2%. Il calo è stato dovuto in grandissima parte al prezzo che è tornato ad essere di 400 dollari in media contro i 300 dollari delle offerte natalizie.

Calo di Marzo a parte, è da tanto che i lettori a laser blu non si vendono e se prima c’era la scusa della guerra dei formati ora non ce ne sono più. La verità è che l’unico modello di lettore Blu Ray che vende è la Plasystation 3, ma quella si sa ha anche altri ragioni d’acquisto, mentre i lettori standalone sono acquistati solo se il bene è davvero desiderato.

E, tutto sommato, meno male che non è desiderato: i lettori che girano nei negozi adesso sono nell’80% dei casi antiquati, non predisposti alle nuove specifiche e non potrebbero leggere molte delle caratteristiche avanzate dei dischi BD Live (presto lo standard). Tanto per cambiare solo la PS3 è pronta.

Bisogna poi notare anche che mentre le vendite dei lettori DVD calano comprensibilmente del 39%, quelle dei lettori in grado di fare l’upscale (cioè portare artificialmente immagine ad una risoluzione per i televisori HD) sono in lieve aumento (5%): un altro concorrente con cui se la deve vedere Blu Ray, un concorrente inoltre dal prezzo molto più contenuto. Sony comunica che ci vorrà un anno perchè i suoi lettori possano essere venduti a 200 dollari, prezzo che probabilmente non sarà ancora sufficiente per l’exploit di massa.

Il problema, e lo si dice da tanto, è che la qualità della nuova generazione è sì superiore ma non così tanto da giustificare quegli acquisti a quei prezzi. Anche i lettori di DVD tradizionali si diffusero davvero quando scesero sotto il muro dei 100 dollari del resto, e quella era una grande innovazione qualitativa.

Come si è detto, infine, c’è il download dei film a fare da concorrenza. Quando il formato HD DVD alzò bandiera bianca fu molto derisa la Xbox 360 che aveva puntato su quel tipo di formato commercializzando un lettore aggiuntivo per HD DVD. Ora però, alla richiesta di costruire un lettore Blu Ray per la console Microsoft, dopo un’indecisione iniziale ha detto che non gli interessa minimamente: «sono i giochi a far vendere una console» hanno detto, ma quello che intendevano è che per i film già hanno 10 milioni di utenti Xbox Live. Non si è scelto un formato, ma una modalità.