Acer Aspire One: temibile avversario per l’Asus Eee PC

Asus con le sue diverse versioni di Eee PC ha fatto da “apripista” e sondato il mercato dei subnotebook, ottenendo un immediato successo.Ora tutte le maggiori aziende presenti da molti anni nel settore dei notebook “tradizionali”, iniziano a offrire prodotti sempre più interessanti per cercare di rubare quote di mercato ad Asus nel settore dei

Asus con le sue diverse versioni di Eee PC ha fatto da “apripista” e sondato il mercato dei subnotebook, ottenendo un immediato successo.

Ora tutte le maggiori aziende presenti da molti anni nel settore dei notebook “tradizionali”, iniziano a offrire prodotti sempre più interessanti per cercare di rubare quote di mercato ad Asus nel settore dei mini portatili.

Dopo HP, Dell e MSI, è la volta di Acer che si appresta a commercializzare il suo Aspire One, basato sul processore Intel Atom N270 (Diamondville) a 1,6 GHz.

Inizialmente verrà proposta una versione con sistema operativo Linux, personalizzato da Acer stessa; dopo circa un mese, ci sarà anche una versione con Windows XP Home SP3.

Queste sono le caratteristiche tecniche della versione Linux:

  • Processore: Intel Atom N270 (1.6 GHz);
  • Chipset: Intel 82945GMS + Intel 82801GBM;
  • Memoria: 512 MB DDR2;
  • Dispositivo di storage: 8 GB SSD;
  • Display: 8.9″ Acer CrystalBrite (1024×600), LED backlight;
  • Connettività: Ethernet 10/100 Mbps, Wireless 802.11b/g, Acer SignalUp technology;
  • Porte: 5-in-1 cardreader, SD slot, 3 USB, VGA, RJ-45, headphone/lineout, microphone, webcam Acer CrystalEye;
  • Tastiera: 95% full size, touchpad with scroll zone;
  • Dimensioni: 249 (w) x 170 (d) x 29 (h) mm;
  • Peso: 1,2 Kg;
  • Alimentazione: batteria a 3 celle, 2200 mAh, 30 W AC adapter.

I prezzi (IVA inclusa) saranno 299 Euro e 399 Euro, rispettivamente, per la versione Linux e per la versione Windows (con 1 GB di RAM e disco rigido da 80 GB). La presentazione ufficiale dovrebbe avvenire durante il Computex 2008 di Taipei, mentre la vendita inizierà verso la metà del mese di Giugno.

Ti potrebbe interessare
Aumentare la frequenza di sincronizzazione di Mobile Me… conviene?
Apple

Aumentare la frequenza di sincronizzazione di Mobile Me… conviene?

Abbiamo già parlato del controverso push in differita di Mobile Me e di come questa sia non un difetto ma una caratteristica esplicitamente dichiarata da Apple.La controversia nasce dal fatto che, mentre le modifiche effettuate da iPhone o iPod Touch sono sincronizzate in maniera pressoché istantanea, lo stesso non si può dire per le operazioni