QR code per la pagina originale

MobileMe, appena arrivato e già in affanno

Il nuovo servizio "cloud" offerto da Apple sembra non essere nato sotto una buona stella. A distanza di alcuni giorni dal lancio, permangono seri problemi per le sue funzionalità. Gli utenti lamentano un'eccessiva lentezza e rimpiangono il vecchio .Mac

,

Mentre cresce la soddisfazione a Cupertino per i considerevoli volumi di vendita del nuovo iPhone 3G e il successo dell’AppStore, tecnici e sviluppatori di Apple sono ormai impegnati da giorni nell’affinare MobileMe il servizio “cloud” che ha da poco sostituito la precedente funzione .Mac. Nonostante una dettagliata pianificazione, corredata da note informative puntuali agli utenti di .Mac, la transizione tra il vecchio sistema e il nuovo si è dimostrata molto più difficile del previsto, comportando numerosi disservizi – spesso non ancora risolti – per gli abbonati ai servizi Apple.

Concepito per fornire il massimo della sincronizzazione tra il proprio Mac, o PC, e il nuovo iPhone 3G, MobileMe è stato lanciato negli ultimi giorni della scorsa settimana sia per i nuovi clienti che per gli abbonati al precedente servizio .Mac. L’aggiornamento per questi ultimi al nuovo sistema “cloud” si è rivelato particolarmente macchinoso e in numerosi casi inconcludente. Dopo una fase di blackout durata anche 36 ore, periodo di tempo in cui gli utenti non hanno potuto usufruire delle tradizionali funzioni fornite da .Mac posta elettronica compresa, Apple ha iniziato a rilasciare a macchia di leopardo i nuovi servizi di MobileMe, generando così molta confusione tra gli utenti, che per intere giornate si sono confrontati online sul forum ufficiale di Cupertino.

Il passaggio da .Mac a MobileMe prevede, infatti, l’istallazione di un aggiornamento per i possessori di un computer Mac. L’update provvede a modificare gli account dal vecchio sistema al nuovo, introducendo negli applicativi coinvolti, tra cui Mail e iLife, le nuove funzionalità legate al servizio “cloud”. A poche ore dal suo rilascio, Apple ha inspiegabilmente ritirato l’aggiornamento lasciando nella totale incertezza i numerosi abbonati all’ormai storico .Mac, che si sono confrontati a lungo sul forum ufficiale. Dopo numerose ore, la società di Cupertino ha infine rilasciato una nuova versione (da 1.0 a 1.1) dell’aggiornamento a MobileMe, consentendo nuovamente ai vecchi utenti la migrazione verso il nuovo sistema. Transizione che ha comunque riservato non poche sorprese.