QR code per la pagina originale

Diretta live del keynote Apple dal WWDC

,

Diretta del keynote, fatto da Apple dal Moscone Center di San Francisco, all’interno del 4 giorni di WorldWide Developers Conference Apple.

Dettagli sul nuovo iPhone 3GS, sulle novità dell’evento, immagini e video del nuovo iPhone e TomTom per iPhone.

Domani, su Webnews, maggiori dettagli su tutti i prodotti presentati da Apple. Stay tuned.

21.10: lo store è stato riaperto.

21.09: si chiude il tutto con: “And that’s it folks”.

21.08: l’evento si avvia alla chiusura e Phil ringrazia tutto lo staff che ha lavorato in modo duro allo sviluppo di tutto ciò che è stato presentato.

21.06: riepilogo di ciò che è stato presentato e il WWDC è solo all’inizio.

21.04: Il vecchio iPhone 3G da subito a 99$.

21.04: Nuovo iphone disponibile in 80 paesi, alcuni a partire da Agosto (speriamo in Italia da subito).

21.02: iPhone 3GS pronto tra una settimana e mezza, due colorazioni, bianco e nero. L’iPhone 3G rimarrà a 99$ sull’Apple store.

21.02: Packaging ridotto del 23% e rispetto per l’ambiente. Inoltre, il nuovo iPhone è disponibile in due configurazioni, da 16GB e da 32, rispettivamente a 199 e 299$.

21.00: 5 ore di durata durante una conversazione e 7 ore con uso del WiFi.

20.59: migliore resa della batteria e hardware encryption.

20.57: maggiore accessibilità all’interno dell’iPhone, con la possibilità di zoommare, di invertire i colori e di leggere del testo.

20.55: il nuovo iPhone ha anche un “compasso” con il quale si possono orientare, per esempio, le mappe, in base a come si è posizionati.

20.54: si potrà parlare all’iPhone per trovare una canzone o per scegliere in una lista.

20.53: controllo vocale per il nuovo iPhone 3GS.

20.52: possibilità di fare video e di sfruttare la fotocamera attraverso le API, quindi possibili sviluppi futuri da terze parti.

20.51: fotocamera che si regola con qualche tap, autofocus e bilanciamento del bianco.

20.50: fotocamera da 3 megapixel autofocus e connessione a 7.2 Mbit/sec, tramite HSDPA.

20.49: sembra che il nuovo iPhone sia più veloce del 3G.

20.48: ecco iPhone 3GS.

20.47: Phil fa vedere un po’ di statistiche sulla diffusione e sul successo dell’iPhone.

20.45: Torna Phil Schiller sul palco… sarà il momento di qualcos’altro?

20.43: OS 3 costerà 9.90$ per i possessori di iPod Touch

20.42: finite le presentazioni.

20.41: Scott assicura che in prova l’App ha funzionato bene.

20.40: sembra sia un’altra applicazione che funziona male, problema di connessione tra la chitarra e l’iPhone. Questa volta chi presenta l’App si salva poco.

20.37: ultima presentazione, Line 6 and Planet Waves, per controllare chitarra e amplificazione dall’iPhone.

20.35: ecco Zipcar, a presentarlo è Luke Schneider, servizio di car sharing che tra le novità annovera la possibilità di sbloccare l’auto con l’iPhone.

20.33: l’applicazione Pasco non fa il suo dovere e il presentatore, un po’ imbarazzato, riesce a salvarsi in calcio d’angolo.

20.31: il momento di Pasco, un’applicazione scientifica (non avranno esagerato con le demo?).

20.29: dopo TomTom torna il momento di un altro gioco per iPhone. Neil Young di ngmoco presenta Star Defense.

20.27: non si parla ancora di prezzi e sarà disponibile da questa estate, si tratta comunque di qualcosa di costoso.

20.26: TomTom presenta anche accessori per migliorare l’esperienza con il navigatore satellitare dell’iPhone.

20.25: sembra un vero TomTom, con tanto di voce, immagini 3D e velocità da navigatore satellitare.

20.24: sì, TomTom per iPhone e lo presenta Peter-Frans Pauwels, Co-founder dell’azienda.

20.23: sembra sia arrivato TomTom.

20.22: no, tocca ancora a Iceberg, uno store di libri.

20.20: sembra che le dimostrazioni siano finite.

20.19: si “gioca” a fare i dottori da remoto. (Difficile immaginare questa applicazione con pazienti 80enni).

20.18: continuano le demo di software house che hanno sviluppato sfruttando OS 3. (verrà presentato il nuovo iPhone?).

20.17: si accenna a un gioco di corsa 3D.

20.16: si parla della velocità dei giochi e di altre piccole migliorie tramite software.

20.13: per la notifica push si potrà scegliere tra text alerts, numerical badges, e sounds alerts. (Sembrano possibilità banali. Sembra che si stia perdendo tempo).

20.12: supporto allo scambio P2P, la connessione con hardware di terze parti avviene tramite bluetooth e USB e le mappe di Google potranno essere embeddate all’interno di qualsiasi applicazione.

20.11: si apre la possibilità di sviluppare software che parla con hardware di terze parti.

20.10: confermato che rimmarranno gratuite le applicazioni su App Store e si pagheranno solo quelle che necessitano di una quota.

20.09: queste sono solo alcune delle novità, OS 3 ha più di 1.000 nuove API.

20.09: Si possono mandare messaggi e suoni all’iPhone tramite MobileMe, inoltre si possono cancellare tutte le informazioni private da remoto.

20.07: tramite Find My iPhone sarà possibile ritrovare il proprio iPhone perso. Necessario l’abbonamento a MobileMe.

20.06: l’iPhone supporterà oltre 30 lingue.

20.05: Safari per iPhone è molto più veloce ad elaborare JavaScript, avrà la possibilità di ricordare le password e può visualizzare pagine Web con lo standard HTML 5.

20.04: l’iPhone funzionerà da modem se il carrier lo consente. La connessione sarà tramite USB oppure bluetooth. Tra i carrier non c’è AT&T e il pubblico rumoreggia.

20.00: noleggio di film direttamente dall’iPhone. Tethering per collegare il PC e usare l’iPhone da modem.

20.00: Spotlight sull’iPhone per cercare qualsiasi cosa.

19.59: passa un pannello con tutti i 29 carrier pronti ad abbracciare gli MMS. La modalità Landscape sarà supportata per la maggior parte delle applicazioni.

19.57: si continua con gli MMS e la programmazione Cocoa.

19.55: si inizia a parlare del’OS 3 dell’iPhone e si comincia con il copia e incolla.

19.54: il video dedicato ai programmatori finisce con un applauso.

19.53: si vede un video, delle mani anziane con un iPhone.

19.52: Più di un miliardo di applicazioni scaricate e 40.000.000 di device venduti con il sistema operativo dell’iPhone sopra.

19.50: sull’App store ci sono oltre 50.000 applicazioni e Apple sta lavorando duro per questa piattaforma.

19.49: si inizia a parlare dell’iPhone e la parola torna a Scott.

19.46: Exchange insieme a tutte le novità saranno integrate all’interno del sistema operativo, un unico sistema, al prezzo di 29$ da Settembre.

19.45: mentre succede tutto ciò ancora l’Apple store è offline, quindi difficile dire se ci saranno ancora novità. Per ora si stanno illustrando le cose già dette, un po’ più approfonditamente. Sembra sfumato il nuovo iPhone.

19.44: sul video girano immagini di queste nuove funzionalità.

19.43: i contatti e i calendari di Exchange sono integrati nei dati personali, ma adeguatamente separati per non creare confusione.

19.43: Spotlight search per Exchange messages.

19.42: Mail, iCal e Address Book avranno il supporto per Excange.

19.41: sul monitor si vedono i marchi dei più grossi produttori di videogame e soluzioni per schede video: EA, nVidia, Samsung, IMB, ecc.

19.40: la GPU girerà con una soluzione open, per la precisione OpenCL.

19.35: Si vede una comparazione tra Snow Leopard e il “vecchio” Leopard.

19.32: il nuovo Snow Leopard girerà a 64 bit, ciò permetterà di limitare la memoria a 16 billion GB, praticamente ad oggi è illimitata (32 bit si ferma a 4GB ndr).

19.31: Quicktime permetterà di editare e caricare i video su MobileMe.

19.31: Safari 4 è molto più veloce. Ciò grazie alla celerità nell’esecuzione di JavaScript, un esempio di Street View mette in mostra la potenza del browser.

19.30: si vede il nuovo Expose in Mail e Safari.

19.29: cambia QuickTime e cambia l’icona, oltre al player. Grazie a una nuova funzione chiamata HTTP streaming sarà possibile avere una resa migliore e funziona con qualsiasi server.

19.28: Il nuovo Safari permetterà, in caso di crash, di ripartire con un semplice refresh. La maggior parte dei crash è dovuta ai plugin. Ovviamente Apple non perde l’occasione per prendere un po’ in giro IE 8.

19.26: arriva Safari 4, dopo mesi di beta, per Windows, Tiger e Leopard.

19.25: il nuovo sistema è più veloce e salva spazio.

19.22: arriva il momento del Dock, anch’esso modificato. Exposé sarà integrato.

19.21: il software viene trattato da Bertrand Sorre. Dice di amare il finder e quindi ci saranno pochissime modifiche. Comunque Snow Leopard supporterà Exchange.

19.20: al solito viene presa in giro Microsoft per il nuovo Windows 7 che altro non sarebbe che Windows Vista. Arriva il momento di Mac OS X e in particolare di Snow Leopard.

19.18: aggiornato anche il MacBook Air, con una linea più aggressiva. Anche in questo caso due configurazioni, con differenza di potenza del processore e hard disk. Da 1.499$ a 1.799.

19.16: il nuovo nato sarà in due configurazione, tra le due cambia la quantità di RAM, da 2 e da 4 e la potenza del processore, oltre alla capienza dell’hard disk. I processori sono Intel core 2 duo e l’hard disk da 160 e 250 GB. Il prezzo del fratello maggiore è di 1.499$

19.13: alla linea dei MacBook è stato aggiunto anche un 13″. Il prezzo di partenza di questo è di 1.199$.

19.11: i nuovi MacBook saranno venduti in 3 configurazioni diverse, a partire da 1.699 fino a 2.299 $

19.10: Phil spiega che il nuovo nato avrà un’autonomia maggiore grazie a un nuovo sistema di batterie incluse all’interno della macchina.

19.08: Phil, dopo aver parlato del successo di Apple, annuncia che lo sviluppo attuale dei Mac, con un solo corpo in alluminio, continuerà ed è felice di annunciare un nuovo MacBook Pro.

19.05: prima il personaggio dello spot Get a Mac e poi il benvenuto ufficiale di Phil Schiller. Lo show inizia con una precisione Svizzera.

19.04: mentre si inizia, ancora l’Apple store è offline.

18.59: viene dato il benvenuto mentre si abbassano le luci.

18.57: quasi tutto pronto, mentre nel buio del palco si intravede un Mac, si attende l’apertura ufficiale delle danze.

18.45: i giornalisti iniziano a prendere posto all’interno del Moscone Center.

17.47: va giù anche l’Apple Store italiano.

17.46: al solito, Apple ha mandato offline l’Apple Store, per presentare le novità.