ASUS Eee Slate B121: il tablet per la firma digitale

Il tablet di ASUS è indirizzato alle aziende che utilizzano sistemi di firma digitale per i documenti.

Mostrato in anteprima durante il convegno Documento Digitale lo scorso mese di ottobre, il tablet di classe business Eee Slate B121 è stato presentato ufficialmente da ASUS a Milano. Il prodotto, basato su architettura Intel e sistema operativo Windows 7, possiede un display Gorilla Glass multitouch da 12,1 pollici con risoluzione di 1280×800 pixel.

L’Eee Slate B121, già in vendita in Italia a 999 euro IVA esclusa, è un tablet indirizzato alle aziende che utilizzato soluzioni di gestione documentale con firma digitale. Lo schermo del dispositivo, infatti, permette di firmare i documenti PDF con la penna Wacom inclusa, dando ad esse un valore legale. Il software è stato sviluppato in collaborazione con Postel e Kartha, azienda italiana specializzata in soluzioni di document management.

Tornando alle caratteristiche tecniche, l’Eee Slate B121 ha una dimensione di 312×207,2×16,95 millimetri, mentre il peso è di 1,16 Kg. Il telaio racchiude un processore Intel Core i5-470UM, 4 GB di memoria DDR3 e un SSD da 64 GB. La connettività è garantita dalla presenza di WiFi 802.11b/g/n, Bluetooth 3.0, webcam da 2 Megapixel, card reader, due porte USB e una porta mini HDMI. Manca invece un modulo 3G.

La batteria in dotazione offre un’autonomia di circa tre ore, un valore inferiore ai prodotti consumer Android e Apple. Il valore aggiunto del tablet è comunque rappresentato dalla possibilità di utilizzare le classiche applicazioni desktop, tra cui Microsoft Office.

I Video di Webnews

Yamamay: un assistente virtuale per fare acquisti online in modo smart

Ti potrebbe interessare
Il Fujitsu Micro Marty: un grande flop hardware
fujitsu

Il Fujitsu Micro Marty: un grande flop hardware

FM Towns era una variante ai PC classici, che fu costruita dalla giapponese Fujitsu dal febbraio 1989 fino all’estate del 1997. Il nome FM Towns era la combinazione di tre parole: “Fujitsu Micro” per rappresentare il produttore giapponese e “Towns“, parola simbolo del progetto. Towns fu derivato eliminando (per semplicità di pronuncia) una lettera da