ASUS Eee Slate B121 al convegno Documento Digitale

Il tablet progettato per l’utenza business è lo strumento ideale per l’archiviazione digitale dei documenti.

ASUS annuncia la sua partecipazione a Documento Digitale, convegno dedicato ai temi della dematerializzazione delle informazioni, che si svolgerà a Roma il prossimo 25 ottobre 2011 presso lo Sheraton Hotel. Nel corso dell’evento, l’azienda taiwanese mostrerà il tablet Eee Slate B121, progettato per l’utenza business e basato sul sistema operativo Windows 7.

L’Eee Slate B121 è il primo tablet pensato per il cosiddetto “Paperless Office“, ovvero un ufficio dove non circolano più documenti cartacei. ASUS, in collaborazione con Kartha, ha infatti realizzato un software per l’archiviazione documentale, la conservazione sostitutiva a norma di legge, la firma digitale, la firma elettronica avanzata e la posta elettronica certificata.

Il prodotto ASUS ha un display ampio 12,1 pollici (1.280×800 pixel), processore Intel Core i5-470UM, 4 GB di memoria DDR3 e SSD da 64 GB. Caratteristiche dunque adatte anche all’utilizzo di complessi software aziendali, come Microsoft Office, SAP, Oracle e Autocad. Molto utile inoltre lo schermo con tecnologia Wacom in grado di riconoscere fino a 256 livelli di pressione, un requisito fondamentale per la raccolta di firme digitali certificate, in quanto è in grado di registrare i dati biometrici richiesti dall’attuale normativa.

Non mancano ovviamente varie opzioni di connettività, tra cui WiFi 802.11b/g/n e Bluetooth 3.0, a cui si aggiunge una webcam da 2 Megapixel, un card reader, due porte USB 2.0 e un’uscita mini HDMI. L’Eee Slate B121 dunque è il tablet ideale per i professionisti che devono interagire con i sistemi aziendali basati su Microsoft Windows.

Al convegno è prevista inoltre un’area demo, all’interno della quale ASUS esporrà anche i tablet Eee Note e Eee Pad Transformer, e il nuovo ultraportatile Zenbook UX31.

Ti potrebbe interessare
Jobs si pronuncia sulla FireWire assente sui MacBook?
Apple

Jobs si pronuncia sulla FireWire assente sui MacBook?

Sembra che Steve Jobs abbia risposto a una delle email inviate ad Apple per protestare sulla scelta di togliere le FireWire dai MacBook.Il condizionale è d’obbligo visto che la dichiarazione non è ufficiale ma viene riportata da un utente che ha reso disponibile una “foto” dell’email ricevuta (disponibile su Flickr).