Nikon D600, prestazioni in linea con la D800

Nikon D600 esce a testa alta dai primi test: quasi eguagliati i risultati della D800, battuta la Canon EOS 5D Mark III.

Nikon D600 è stata annunciata nelle scorse settimane dal produttore giapponese, con la conferma delle caratteristiche tecniche equipaggiate e le prime informazioni ufficiali sul prezzo di vendita. La redazione del sito DxOMark ha avuto la possibilità di mettere alla prova questa nuova reflex full frame, confrontando i risultati ottenuti con quelli ottenuti del ben più blasonato modello D800: l’esito finale è tutt’altro che scontato.

Profondità colore, gamma dinamica e sensibilità ISO. Sono questi i tre test dai quali è emerso un punteggio complessivo pari a 94 che, per fare un paragone, si piazza appena sotto il 95 della Nikon D800. Molto più distaccati dispositivi come Canon EOS 5D Mark III e Nikon D4, fermi rispettivamente a 84 e 91 punti.

Nikon D600, Nikon D800, Nikon D4

Riepilogando le componenti più importanti della scheda tecnica, Nikon D600 equipaggia un sensore CMOS da 24,3 megapixel (contro i 36,3 megapixel effettivi che può vantare il modello top di gamma), processore d’immagine EXPEED 3, sensibilità ISO 100-6.400 (fino a 25.600), mirino ottico a 51 punti (9 a croce), display LCD da 3,2 pollici e modalità di registrazione video in formato Full HD con un framerate fino a 30 fps. Il prezzo di vendita annunciato inizialmente è di circa 2.400 euro, ma cercando bene in Rete si trovano già offerte ben più vantaggiose, alcune delle quali propongono il solo corpo macchina anche a meno di 2.000 euro.

La concorrenza con i modelli lanciati di recenti sul mercato da Canon sembra dunque aver spinto Nikon a studiare soluzioni sempre più efficienti da inserire nel proprio catalogo, con un occhio di riguardo anche al portafogli dei potenziali acquirenti.

Ti potrebbe interessare
Scuola: le pagelle on line
Web e Social

Scuola: le pagelle on line

Il ministro Brunetta ha lanciato una proposta che certamente farà parlare di sè. In nome di un avvicinamento delle famiglie alla scuola, per creare un rapporto più diretto e semplificato tra le due agenzie educative per eccellenza, il ministro ha proposto di realizzare delle vere e proprie pagelle online, che i genitori potranno consultare in