QR code per la pagina originale

Toyota, stop ai test sulle auto autonome

Toyota ha deciso di interrompere i test sulla sua piattaforma di guida autonoma a seguito del tragico incidente occorso alle auto di Uber.

,

Toyota ha interrotto i test dei suoi veicoli a guida autonoma sulle strade pubbliche negli Stati Uniti in seguito alla notizia dell’incidente mortale che ha coinvolto le auto automatiche di Uber. Secondo Bloomberg, il gigante dell’auto giapponese ha detto che avrebbe temporaneamente cessato di testare il suo programma per “rispetto” dei suoi collaudatori. In altri termini, Toyota ritiene che l’incidente possa avere un qualche effetto emotivo sui tester e proprio per questo ha deciso di sospendere temporaneamente i test.

Il Toyota Research Institute, il braccio della Silicon Valley della casa automobilistica, sta conducendo test su strada dell’ultima versione dei suoi veicoli a guida autonoma in California e Michigan dall’inizio dell’anno. Toyota ha anche discusso con Uber sulla possibilità di acquistare dalla società di trasporti il suo software dedicato alla guida autonoma, questo prima che avvenisse il tragico incidente. Toyota, comunque, non ha voluto in alcun modo speculare sulla causa dell’incidente o su ciò che potrebbe significare per l’industria della guida autonoma in futuro.

Altre case automobilistiche con legami con Uber, come Mercedes-Benz e Volvo, hanno finora rifiutato di commentare l’incidente o la loro partnership con la compagnia di trasporti.

Quanto accaduto, comunque, lascerà il segno di un settore in grande fermento ma che forse sta correndo un po’ troppo. Ci sono dozzine di test sui veicoli a guida autonoma attualmente in corso nel solo territorio americano e sebbene la tecnologia stia facendo passi in avanti molto rapidi è probabilmente arrivato il momento di soffermarsi un attimo per ragionare meglio sull’evoluzione di queste piattaforme. I costruttori che stanno facendo a gare su chi debutterà per primo nel settore delle auto automatiche probabilmente sono chiamati ad un impegno maggiore per migliorare una tecnologia affascinante ma ancora molto acerba e non priva di rischi. Dall’altra parte, i legislatori dovranno ragionare con maggiore attenzione sulle norme che dovranno emanare per rendere sicura la guida autonoma.

Fonte: Bloomberg • Via: The Verge