QR code per la pagina originale

Samsung Pay disponibile in 6 continenti e 24 paesi

A distanza di tre anni dal lancio, il servizio di pagamento Samsung Pay è ora disponibile in sei continenti e 24 mercati, l'ultimo dei quali è il Sudafrica.

,

Il produttore coreano celebra il terzo compleanno della sua piattaforma di pagamenti mobile. Samsung Pay è stato lanciato in Corea il 20 agosto 2015 e da allora ha registrato una crescita significativa. Oggi è disponibile in 6 continenti e 24 paesi, l’ultimo dei quali è il Sudafrica. Grazie al supporto dei partner sono state superate 1,3 miliardi di transazioni in tutto il mondo.

Samsung Pay supporta carte di credito/debito/prepagate, carte fedeltà, carte per i mezzi di trasporto e la raccolta punti Samsung Rewards. Non tutte le tipologie sono accessibili in tutti i paesi. In Italia, dove il servizio è attivo dal 22 marzo 2018, può essere utilizzato con le carte di credito, debito e prepagate del circuito Visa e MasterCard emesse da Banca Mediolanum, BNL, CheBanca!, Hello bank!, Intesa Sanpaolo, Nexi, UniCredit e Iccrea Banca.

Dalla fine di giugno 2018 è possibile anche pagare in modo semplice e veloce il biglietto della metropolitana di Milano tramite il sistema di pagamento contactless integrato sui tornelli. La sicurezza delle transazioni sono garantite dall’autenticazione biometrica tramite impronte digitale e dalla tecnologia Samsung Knox. Samsung Pay funziona sia con i tradizionali POS che leggono la banda magnetica che con quelli dotati di chip NFC.

La procedura per usare il servizio prevede il download dell’app omonima dal Google Play Store e l’aggiunta della carta di credito inquadrata dalla fotocamera dello smartphone. I modelli compatibili sono Galaxy Note 9, Galaxy S9/S9+, Galaxy Note 8, Galaxy S8/S8+, Galaxy A8, Galaxy S7 edge, Galaxy S7, Galaxy S6 edge+, Galaxy A6/A6+ (solo con NFC), Galaxy A5 (2017) e Galaxy A5 (2016). I pagamenti sono possibili anche con gli smartwatch Gear S3 classic/frontier e Gear Sport (solo con NFC).