QR code per la pagina originale

YouTube diventa dark anche sull’app Android

YouTube diventa dark anche sui dispositivi Android: l'applicazione ha introdotto nella giornata di oggi l'opzione per attivare il tema scuro.

,

YouTube diventa dark anche sui dispositivi Android. Nella giornata di oggi, infatti, Google ha rilasciato l’aggiornamento per l’app della sua piattaforma di video che permette di passare ad una grafica con il tema scuro per la visione dei contenuti.

Avviando l’app, oggi, gli utenti dovrebbero essere accolti con la seguente frase: Prova il nuovo tema scuro – Guarda YouTube in modo completamente nuovo. Puoi tornare alla versione precedente in qualsiasi momento dalle Impostazioni.

Premendo sulla dicitura “Prova il nuovo tema scura” l’applicazione di YouTube assumerà una grafica scura, come già visto su desktop (e su iPhone). La feature purtroppo non è stata ottimizzata per gli smartphone con schermo AMOLED (viene utilizzato un grigio molto scuro anziché un nero puro, che nei pannelli AMOLED avrebbe fatto risparmiare la batteria in quanto lo schermo spegne totalmente i pixel in presenza di nero), ma si rivela un’ottima soluzione per visionare i video in presenza di poca luce o si volesse un’esperienza visiva meno luminosa.

Qualora l’opzione non vi venisse proposta in automatico dall’applicazione (controllare che si aggiornata alla versione 13.35.51) è possibile andare ad attivarla manualmente spulciando nelle impostazione di YouTube. È sufficiente andare sul proprio avatar, in alto a destra dello schermo, cliccare su impostazioni – generali e spuntare l’opzione “tema scuro”, in seconda posizione.

Quella della versione dark di YouTube non è proprio una novità, anzi: il tema scuro è stato rilasciato su iOS già lo scorso marzo e su desktop risale addirittura al 2017. Ora non resta che attendere che Google cominci ad introdurre versioni dark di altre sue applicazioni, o addirittura per lo stesso sistema operativo Android. Tante sono le app di terze parti (Twitter, Twitch, Discord) che in questi anni si sono adeguate, sia per una questione di comodità visiva che di risparmio energetico.

Fonte: Gizmodo • Immagine: Pexels