QR code per la pagina originale

Google dice addio a Inbox, chiuderà a marzo 2019

Google ha annunciato di voler staccare la spina a Inbox, l'email alternativa a Gmail lanciata circa 4 anni fa con tante idee originali.

,

Il servizio di posta elettronica alternativo a Gmail va in pensione. Google ha infatti annunciato di voler staccare la spina a Inbox, l’email lanciata quasi 4 anni fa con tante idee originali, funzionalità interessanti e una grafica tutta nuova rispetto alla casella di posta “ammiraglia” di bigG.

Per il momento Inbox continuerà a funzionare normalmente poiché il servizio verrà spento definitivamente non prima di marzo 2019. Non resta altro che passare direttamente a Gmail, che tra l’altro molto deve proprio a Inbox per quanto riguarda le sue ultime migliorie come la nuova impostazione grafica e gli snooze.

L’annuncio ufficiale di Google, arrivato direttamente dalla pagina Google Plus di Inbox:

Negli ultimi 4 anni ci avete aiutato a migliorare la posta elettronica. Abbiamo preso le funzionalitù più popolari di Inbox e le abbiamo integrate in Gmail per aiutare oltre un miliardo di persone a fare di più con le loro email, ogni giorno. Grazie.

Di conseguenza, prevediamo di concentrarci esclusivamente su Gmail e dire addio a Inbox alla fine di marzo 2019. Sappiamo che il cambiamento è difficile, per questo motivo abbiamo creato una guida per la transizione e aiutarvi a passare da Inbox a Gmail.

Un finale con il retrogusto amaro, ma un percorso molto importante quello di Inbox per aiutare a migliorare il servizio di posta elettronica principale del gruppo Gmail. Come sottolineato da Google, infatti, tutte le migliori funzioni introdotte in Inbox sono state “prese in prestito” da Gmail.

Per chi utilizza Inbox il passaggio a Gmail non dovrebbe essere quindi così traumatico, inoltre Google ha realizzato per l’occasione una guida per aiutare tutti gli utenti della email in procinto di scomparire. A questo link potete trovare la guida.