QR code per la pagina originale

Google Maps, condivisione ETA anche su iOS

Google aggiunge alla versione di Maps per dispositivi iOS la funzionalità che consente di condividere un tragitto (e suo il tempo stimato) con gli amici.

,

Buone notizie per i possessori di dispositivi Apple: la funzione di share per l’ETA (Estimated Time of Arrival), che permette all’app di condividere con gli amici il tempo stimato per l’arrivo a destinazione (ovviamente in tempo reale), giunge adesso su Google Maps.

La feature in questione è disponibile sulla versione Android già dallo scorso anno e adesso viene introdotta in quella iOS. Per aiutarvi a comprendere meglio ciò di cui stiamo parlando, vi riportiamo la clip sottostante.

Il video mostra alcuni esempi in cui potrebbe essere utile la condivisione dell’ETA, come quando si sta organizzando una festa a sorpresa e bisogna coordinare l’arrivo degli invitati affinché si presentino tutti insieme. È chiaro che si tratta di uno strumento utile anche per vedere semplicemente dove si trovano i propri amici. In effetti se ne sentiva la mancanza, soprattutto perché è stato a lungo disponibile su altre app di navigazione, come Waze e Citymapper.

Grazie all’aggiornamento per la funzionalità di condivisione ETA, viene inoltre aggiunto lo share attraverso app di terze parti, come Facebook Messenger, Line e WhatsApp – una funzione nuova anche per la versione Android. Per accedervi basta fare tap su “Share trip progress” (condividi avanzamento del viaggio). La feature per la condivisione del tragitto è disponibile indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato, sia che andiate in macchina, sia a piedi o in bicicletta. Una volta raggiunta la destinazione termina automaticamente, ma è possibile anche impostare un timer manuale. Una possibilità interessante quella che offre Maps.

Vi ricordiamo che Google ha di recente introdotto le campagne pubblicitarie intelligenti anche in Italia, a supporto delle piccole e medie imprese (che nel Bel Paese rappresentano oltre il 95% delle attività commerciali).

Fonte: The Verge