QR code per la pagina originale

Mobvoi presenta TicWatch E2 e TicWatch S2

Al Consumer Electronic Show, Mobvoi ha svelato i nuovi TicWatch E2 e TicWatch S2, orologi smart con Snapdragon Wear e Wear OS.

,

Direttamente dal CES 2019, Mobvoi ha aggiornato la sua famiglia di smartwatch con i TicWatch E2 e TicWatch S2. Due dei migliori orologi connessi dello scorso anno, per il rapporto tra qualità e prezzo, godono di una rinfrescata che non è solo frutto di un migliore design e aggiunta di colori.

Troviamo infatti la certificazione per la resistenza all’acqua fino a 50 metri di profondità, quando possibile per tenerli indosso anche durante una nuotata in piscina. Certo, non sono progettati per le immersioni ma la novità fa dei due modelli dei competitor di fascia bassa importanti per un mercato che stenta a decollare (e probabilmente non decollerà mai fuori dalla cerchia degli appassionati). Non a caso, a bordo dei TicWatch 2019 c’è la possibilità di monitorare il nuoto, compreso uno storico delle statistiche precedenti, qualcosa che non è così semplice trovare in esemplari per la massa.

TicWatch E2 e TicWatch S2 si distinguono per impercettibili particolari, tra cui qualche millimetro in meno sull’S2 e la colorazione bianca di quest’ultimo (oltre al nero, unico per l’E2). Esternamente e a livello hardware sono identici: case in policarbonato, cinturini in silicone da 22 mm e Wear OS, potenziato da un processore Qualcomm Snapdragon Wear 2100. Mobvoi afferma che la durata della batteria è stata migliorata su ogni orologio del 30%, rispetto ai precedenti, quindi si dovrebbe attestare tra un giorno o due di autonomia con una singola carica.

Il display è un AMOLED da 1,39 pollici con una risoluzione di 400 x 400, sotto al quale c’è un sensore di frequenza cardiaca e il GPS, per monitorare uscite e corse. Al momento disponiamo di una data di rilascio, che partirà subito dopo il termine del CES 2019, ma non di prezzi, anche se non dovrebbero discostarsi molto da quelli del lancio dei primi TicWatch, tra i 150 e i 199 euro.

Immagine: Mobvoi